Palma Reale Morta Covid

Morta a 28 anni pochi giorni dopo aver partorito. Palma, in coma per il Covid, non ce l’ha fatta

Palma non ce l’ha fatta ed è morta ad appena 28 anni, dopo essere andata in coma. Aveva dato alla luce il suo quarto figlio, ma purtroppo per lei non c’è stato il lieto fine. Il coronavirus se l’è portata via troppo presto, lasciando nel dolore più profondo anche suo marito, che aveva raccontato le terribili fasi. Quando era dunque incinta, era stata costretta a recarsi in ospedale, dove era stata ricoverata dopo che era risultata positiva ad un tampone per il Covid. Poi la situazione era peggiorata.

Tenuto conto che il quadro clinico della 28enne era in costante peggioramento, i medici avevano preso la decisione di farla partorire il prima possibile per salvare la vita al bebè, nato quindi prematuro. Quest’ultimo è fortunatamente in buone condizioni. La sua mamma però è deceduta per colpa di gravi complicazioni, che avevano colpito i suoi polmoni, causate dalla malattia. Ha provato insistentemente a lottare per sconfiggere la patologia, ma prima è arrivato il coma e poi il suo cuore ha smesso di battere.

Palma Reale Morta Covid Napoli Incinta

Palma Reale è stata costretta ad arrendersi in un letto di ospedale al Policlinico Federico II di Napoli. Palma Reale era originaria di Santa Maria Capua Vetere e, stando a quanto è dato sapere, i componenti della sua famiglia non si erano vaccinati. Straziante era stato il racconto del marito: “Siamo risultati positivi lo scorso 18 agosto, ma al pronto soccorso dell’ospedale di Caserta ci hanno rimandato a casa, dicendo che potevamo curarci presso il nostro domicilio. Ciò, nonostante mia moglie fosse all’ottavo mese e mezzo di gravidanza”.


Palma Reale Morta Covid Incinta Parto Prematuro

Poi il coniuge Alfonso di Palma Reale aveva detto ancora: “Ore al telefono per far arrivare un’ambulanza, non sapevano neanche loro cosa fare. Alla fine, per fortuna, è intervenuto il sindaco e finalmente si è mosso qualcosa e mia moglie è stata portata al Policlinico a Napoli. Mia moglie però aveva un polmone collassato ed un altro danneggiato. La saturazione era scesa al 62% prima di risalire nelle scorse ore sopra 90, i medici del Policlinico stanno facendo un lavoro straordinario, e li voglio ringraziare pubblicamente”.

Un’altra tragedia causata dal coronavirus, proprio come quella di Palma Reale, ha colpito nelle scorse ore Francesco Sorianiello, 32 anni, sposato e padre di un bimbo di nemmeno un anno, che ha perso la vita a causa del coronavirus. Ancora non è chiaro come l’uomo abbia contratto il virus. Sua moglie ha spiegato che non avrebbe ricevuto il vaccino perché c’era voluto un mese per ricevere la nuova tessera sanitaria.

Pubblicato il alle ore 15:44 Ultima modifica il alle ore 15:44