Orrore infinito. Dopo i primi accertamenti sul corpo di Sara, la 22enne trovata carbonizzata domenica, cambia tutto: ecco cosa avrebbe fatto Vincenzo alla ex

 

A fare luce sulle cause della morte di Sara Di Pierantonio, la 22enne romana trovata carbonizzata all’alba di domenica in via della Magliana, sarà l’autopsia ma l’esito dei primi accertamenti, riporta Il Messaggero, sta facendo emergere una dinamica diversa.

(Continua a leggere dopo la foto)


{loadposition intext}

Quando le fiamme hanno avvolto il corpo di Sara, lei non era già più in grado di difendersi, quindi scappare dal suo assassino. Significa, stando sempre a quanto riporta Il Messaggero, che la 22enne era già stata stordita o già morta. Quindi Vincenzo Paduano, l’ex fidanzato 27enne di Sara che ha confessato di averla uccisa, sta continuando a mentire agli inquirenti che hanno già chiesto che rimanga in carcere. L’accusa finora ipotizzata è quella di omicidio premeditato perché Paduano avrebbe meditato vendetta contro di lei, colpevole di averlo lasciato e di frequentare un altro ragazzo.

(Continua a leggere dopo la foto)

Come detto, solo l’esame autoptico potrà stabilire come è morta Sara. Ci si concentrerà sulla presenza di monossido di carbonio nei polmoni. Per quanto riguarda, invece, le ustioni sul suo corpo sono solo sulla schiena. È come se la 22enne, supina, fosse stata immobile mentre il fuoco la avvolgeva. E ancora sulle sue mani non sono state riscontrate bruciature. Come se non avesse cercato di difendersi, ripararsi dalle fiamme, gesto che, se fosse stata cosciente, sarebbe stato istintivo. Infine un’altra conferma che arriva dal luogo: l’area distrutta dalle fiamme è molto limitata, solo poche foglie intorno al cadavere erano bruciate, il rogo è stato acceso su un corpo inerme. Sara, pertanto, non si muoveva, non ha cercato di fuggire, quindi l’ipotesi che Vincenzo l’abbia ammazzata o stordita prima di cospargerla d’alcol.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

Domenica notte, poco prima che fosse arrestato, Paduano aveva detto agli investigatori: ”È vero, le ho buttato dell’alcol addosso per spaventarla. Ma poi le fiamme sono partite per sbaglio quando mi sono acceso una sigaretta”. E ancora: ”Non prendo farmaci, né droghe. Sono solo un ossessivo”. In casa, però, nascondeva 50 grammi di hashish.

Potrebbe anche interessarti: Carla Caiazzo, la donna li bruciata viva dall’ex compagno: le sue parole inaspettate. Oggi parla di Sara Di Pietrantonio la 22enne romana carbonizzata dall’ex fidanzato. Un messaggio che sta commuovendo tutti

Pubblicato il alle ore 08:55 Ultima modifica il alle ore 11:51