Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Ecco cosa avevano organizzato”. Caso Willy Monteiro, la scoperta choc sui fratelli Bianchi

  • Italia

Per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte sono stati condannati all’ergastolo Marco e Gabriele Bianchi. Sul Corriere della Sera sono stati ricostruiti i tentativi degli amici dei Bianchi, la “Gang dello scrocchio”, di provare a salvare i due fratelli dall’accusa di aver ucciso il ragazzo di Paliano. Le manovre per allontanare dai due fratelli la responsabilità dei colpi mortali inferti a Willy Monteiro Duarte iniziano sin da subito.

In auto con l’amico Vittorio Tondinelli, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli, i Bianchi provano a riversare su questi due la colpa di quanto accaduto: “Ma che avete fatto?”. Una versione che il giorno dopo, ad arresto già avvenuto, proverà a sostenere anche il terzo fratello Bianchi, Alessandro – non coinvolto nell’indagine – che quella sera aveva prestato il suv a Marco e Gabriele e che li accoglie nel suo locale di ritorno dal raid. Sono state raccolte le testimonianze di Tondinelli, di Omar Sahbani e di Michele Cerquozzi. Sono i componenti, assieme ai due Bianchi, della chat “La Gang dello scrocchio”.

omicidio willy fratelli bianchi piano amici scagionarli


Omicidio Willy fratelli Bianchi, un piano da parte degli amici per scagionarli

Come riporta il Corriere, Tondinelli, Sahbani e Cerquozzi descrivono il colpo che sarebbe stato sferrato da Belleggia sul volto di Willy quando era già a terra: usano la metafora del “calcio di rigore”. Le parole di Cerquozzi e Sahbani servono per spiegare la diversa versione da loro fornita rispetto a quella di tanti altri testimoni che si erano spontaneamente presentati dai carabinieri: “Cerquozzi e Sahbani venivano sentiti dopo aver già appreso dalla stampa, e presumibilmente anche da Alessandro Bianchi, quale fosse stata la ricostruzione offerta a questo giudici dai due indagati (i fratelli Bianchi, ndr). Appare opportuno osservare come le convergenti dichiarazioni rese dai testimoni che si erano presentati spontaneamente e dunque certo non animati da interessi personali, rendano ferma confutazione alle ricostruzioni di Cerquozzi e Sahbani”.

omicidio willy fratelli bianchi piano amici scagionarli

Il gip giunge a una conclusione più netta grazie all’utilizzo di un episodio avvenuto durante i colloqui in carcere registrati dai carabinieri: “Alessandro e Marco Bianchi erano certamente avvertiti del rischio di essere intercettati e per tale ragione avevano ritenuto di strumentalizzare la conversazione rendendola un elemento di riscontro alla rappresentazione offerta nel corso degli interrogatori e indirettamente al tentativo di assegnare l’esclusiva responsabilità del fatto a Belleggia”. Gesti convenzionali, parole sillabate senza emettere suoni, sguardo alla ricerca di telecamere. Una versione insomma concordata affidata poi agli amici.

omicidio willy fratelli bianchi piano amici scagionarli
omicidio willy fratelli bianchi piano amici scagionarli

“Ne discende – scriveva ancora il gip – una valutazione di generale inattendibilità delle dichiarazioni rese dai due amici degli indagati”. Qualcosa in più è emersa nel corso del processo, conclude il Corriere. Infatti alcuni testimoni anche tra gli amici di Willy Monteiro sarebbero stati avvicinati per convincerli di aver visto male quanto accaduto a causa del buio e della confusione.

“Stanno rischiando”. Omicidio Willy, decisione d’urgenza sui fratelli Bianchi: “Cosa sta succedendo in carcere”


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004