“Ma com’è possibile?”. Giallo su Nicola, il bimbo scomparso e ritrovato. Un dettaglio solleva dubbi

I soccorritori hanno continuato a cercare Nicola Tanturli per tutta la notte servendosi anche di un elicottero dell’Aeronautica dotato di uno speciale termoscanner in grado di individuare dall’alto esseri umani. Si è trattato del primo intervento reale in una missione di ricerca e soccorso per un HH-139B (questo il nome del mezzo) del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare di Cervia. Una corsa contro il tempo, finita nel migliore dei modi.

“Ho visto Nicola che era già avvolto in una coperta termica. Aveva gli occhi spalancati, sembrava molto spaventato ma stava bene”. Così aveva detto subito il ritrovamento di Nicola Tanturli il sindaco di Palazzuolo Moschetti. Secondo quanto emerso, al momento del ritrovamento il piccolo aveva un ematoma al braccio, era disidratato e poi era stato stato portato in ospedale per ulteriori accertamenti. Il prefetto di Firenze Alessandra Guidi si è così espressa sul caso: “Siamo felici per il bambino e per la la sua famiglia. E siamo grati ai vigili del fuoco, alle forze dell’ordine, alla protezione civile e ai tanti volontari che si sono impegnati nelle ricerche”.

nicola tanturli

Nicola Tanturli, la Procura di Firenze apre un fascicolo

Nicola Tanturli era in fondo a una scarpata, distante circa 3 km dalla sua abitazione. La famiglia di Nicola diversi anni fa ha deciso di trasferirsi sull’Appennino tosco-emiliano e di vivere a stretto contatto con la natura, lontani dalla città. Intanto Dagospia ha notato un dettaglio particolare nelle prime immagini successive al ritrovamento del bambino. “Il bambino ha percorso almeno 4 o 5 km da quando si è allontanato da casa al punto in cui poi è stato ritrovato”.


nicola tanturli


E si legge ancora sul sito di Roberto D’Agostini: “Nicola Tanturli è sicuramente un bambino intraprendente. Il bambino evidentemente è uscito di casa e ha cominciato a camminare. Forse si è fermato più volte e più volte si deve essere di nuovo incamminato”, ha dichiarato il comandante della stazione dei carabinieri di Scarperia, Danilo Ciccarelli. “Ho l’impressione che il bimbo non abbia trascorso la notte nel burrone in cui lo abbiamo ritrovato, perchè l’erba non era schiacciata in quel punto. Cioè probabilmente lì non aveva fatto il suo giaciglio per la notte”.

nicola tanturli


Dopo il ritrovamento sono state diffuse le immagini di Nicola Tanturli. Il bambino, che ha solo 21 mesi, ai piedi indossava un paio di sandaletti nonostante i genitori abbiano dichiarato di averlo messo nel lettone per dormire la sera di lunedì alle 19. “Com’è possibile che il piccolo Nicola, di solo 2 anni, messo a letto dai genitori la sera prima, sia stato ritrovato il giorno dopo con i sandali ai piedi?”, si chiede Dagospia. Per atto dovuto, la procura di Firenze ha aperto un’indagine. Secondo quanto apprende l’Adnkronos, il fascicolo è senza indagati: “Stiamo facendo i primi accertamenti sulla dinamica dell’accaduto e riferiremo alla magistratura”.

Pubblicato il alle ore 17:49 Ultima modifica il alle ore 20:09