Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
etna aosta neve morti disagi italia

Italia flagellata da maltempo e neve: morti, gravi incidenti, scuole chiuse e forti disagi

  • Italia

Neve, neve e ancora neve. Praticamente l’Italia intera è stata interessata in questo inizio dell’ultima settimana di novembre da precipitazioni e disagi. Purtroppo si devono contare anche due vittime. Due soccorritori sono morti, uno in Sicilia, sull’Etna, l’altro all’estremo nord, nella Valle D’Aosta. Con ogni probabilità la causa di questi incidenti è da attribuire non soltanto alla copiosa quantità di neve caduta, ma anche alla conseguente ripresa dell’attività sciistica nelle più note località turistiche.

Sull’Etna a perdere la vita è stato Salvatore Laudani, 47enne tecnico del Soccorso alpino e speleologico siciliano. L’uomo è morto a seguito di un malore che lo ha colto mentre stava rientrando, in mezzo ad una bufera e in piena notte, dopo un’operazione di salvataggio. Era intervenuto per prestare assistenza ad un’escursionista che si era rotto una gamba cadendo dentro un canalone. L’incidente è avvenuto nella zona tra la cresta “Schiena dell’Asino” e la Valle del Bove.

etna aosta neve morti disagi italia


Salvatore Laudani è stato trasportato in ospedale, ma per lui non c’è stato nulla da fare. Il capo del Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio ha espresso profondo cordoglio per questa grave perdita. In Valle d’Aosta, invece, Leandro Pession, di 58 anni, operatore addetto al recupero e al primo intervento di soccorso agli sciatori infortunati, è stato travolto da una valanga. La massa nevosa lo ha sommerso ai piedi del Monte Cervino, nella Valtournenche.

etna aosta neve morti disagi italia

Con ogni probabilità la slavina si è formata a causa dei forti venti che soffiavano in alta e si è staccata a circa 3000 metri. Leandro, dipendente della Cervino spa, è stato sopraffatto dalla valanga nei pressi della sciovia Grand Sommettaz. Il 58enne, dopo essere stato recuperato sotto la neve, è stato rianimato e trasportato all’ospedale Parini di Aosta. Le sue condizioni sono apparse subito critiche. Purtroppo Pession è morto nella giornata di oggi, 30 novembre.

Disagi si registrano in numerose zone (VIDEO). Le precipitazioni sono state più intense nel nord est, in particolare in Alto Adige. Rallentamenti al traffico si sono verificati a Sassari, Nuoro e nella Sardegna meridionale. Scuole chiuse in provincia di Orvieto. Con l’arrivo della neve riprende quota la stagione sciistica. A Cervinia, nel rispetto delle norme anti-Covid, l’amministrazione sta preparando un provvedimento per rendere obbligatoria la mascherina nel centro pedonale.