Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Nessuna riposta al cellulare, poi i dubbi e la terribile scoperta su Gianni a casa sua: morto da giorni

  • Italia
Gianni, ritrovato morto in casa dopo 10 giorni di silenzio

Gianni, ritrovato morto in casa dopo 10 giorni di silenzio. Lutto nella provincia di Treviso dove un uomo è stato rinvenuto deceduto a seguito probabilmente di un malore. Gianni Aggio aveva 64 anni e da tempo viveva da solo, dopo essersi separato dalla moglie. Era in pensione e vedeva costantemente vicini e figlio che hanno poi dato l’allarme alle forze dell’ordine.

>> “Quando scoppia l’estate 2024”. Caldo in arrivo in Italia, ora c’è anche la data

Così, dopo circa 10 giorni di silenzio assoluto, i vigili del fuoco hanno deciso di buttare giù la porta e l’hanno trovato lì, senza vita, già in stato di decomposizione. Siamo a Castello di Godego, un paesino di 7mila anime dove tutti si conoscono. Gianni era una persona molto attiva nel volontariato dopo il pensionamento. A ricordarlo è Ivano Guidolin, presidente della Pro Loco godigese: “Gianni era un tipo tranquillo, volenteroso”.

Gianni, ritrovato morto in casa dopo 10 giorni di silenzio


Gianni, ritrovato morto in casa dopo 10 giorni di silenzio

Poi dice: “Era un uomo di poche parole. È arrivato da noi in punta di piedi e si è sempre dato un gran da fare. Si rendeva disponibile per feste, eventi, per la sorveglianza durante la manifestazioni”. L’uomo racconta che “era una garanzia: quando c’era bisogno di una mano, lui la tendeva volentieri”. E ancora Guidolin: “Siamo davvero addolorati. Chi poteva immaginare una fine del genere? È stato un duro colpo per tutti noi”.

Gianni, ritrovato morto in casa dopo 10 giorni di silenzio

Racconta poi il vice sindaco Enrico Barrichello: “La notizia ci ha scossi parecchio. Gianni era un volontario silenzioso: schivo ma sempre presente, sempre pronto a dare una mano per la buona riuscita di eventi e iniziative. È così che lo vogliamo ricordare”. Nessuna ipotesi di scasso o rapina e neanche di responsabilità terze sulla morte: sul corpo senza vita di Gianni non c’erano segni di violenza.

Ma non solo: la porta era chiusa a chiave dall’interno e le stanze erano in ordine. I vicini, allarmati da questo strano silenzio in relazione all’uomo, hanno deciso di chiaramente i soccorsi e qui l’amara scoperta. Il medico legale ha rafforzato la tesi degli inquirenti e ha confermato le cause naturali per la morte del 64enne. Da quello che si sa, il funerale non è ancora stato fissato.

Leggi anche: “L’ha preso in pieno, è morto”. Ragazza in macchina travolge 19enne in scooter


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004