Un boato in ospedale e si apre una voragine di 50 metri. Auto inghiottite, vigili del fuoco al lavoro. Cosa sta succedendo

Un’enorme voragine si è aperta stamane a Napoli, all’interno del parcheggio dell’Ospedale del Mare. Tra le 06.30 e 6.45 di questa mattina si è avvertito un forte boato all’interno dell’area parcheggio di Ponticelli. Di fatto il boato è stato determinato da un’implosione che ha generato una voragine di circa 2000 metri quadrati, circa 50 metri, per una profondità di circa 20 metri. I Vigili del Fuoco sono sul posto, riferisce in una nota la Asl Napoli 1 Centro, e benché la voragine abbia inghiottito alcune auto, al momento pare che non siano state coinvolte persone.

“#Napoli, intervento nel parcheggio dell’Ospedale del Mare per una voragine che ha interessato un’area di circa 500 mq. Diverse auto in sosta sono precipitate all’interno. In corso verifiche dei #vigilidelfuoco per escludere la presenza di persone coinvolte”, il tweet dei vigili. Continua dopo la foto


In tutto l’Ospedale del Mare, riporta AdnKronos, al momento è interrotta l’alimentazione elettrica dalla cabina principale ma il presidio è alimentato dai gruppi elettrogeni che garantiscono la piena operatività della struttura e la piena efficienza dell’attività assistenziale. Nel più breve tempo possibile l’Asl Napoli 1 Centro provvederà a chiudere temporaneamente il Covid Residence per l’impossibilità di garantire acqua calda e energia elettrica. Continua dopo la foto

In un primo momento, scrive Fanpage.it si era ipotizzato l’atto doloso.”I successivi accertamenti, però, effettuati dai Vigili del Fuoco, subito intervenuti sul posto, hanno escluso questa teoria e l’ipotesi di una esplosione avvenuta a livello della strada. Si sarebbe trattato, come spiega l’ex assessore Mario Calabrese, di un problema alle conduttore dell’ossigeno, poste nel sottosuolo; non è ancora chiaro se il cedimento abbia causato danni alle condutture o se sia stato il contrario”. Continua dopo la foto

{loadposition intext}
Nono sono ancora uscite note ufficiale ma, come accade sempre in questi casi, la Procura di Napoli aprirà presumibilmente un fascicolo per stabilire le cause del cedimento del piano stradale ed eventuali responsabilità. Ancora da valutare l’impatto complessivo che il fatto avrà sull’operatività di uno dei principali presidi ospedalieri di Napoli, i cui posti letto sono ovviamente fondamentali in periodo di pandemia e che vede la Campania tra le regioni più in difficoltà.

Ti potrebbe interessare: Carulì si m’amave. Napoli 1799, Storia di una rivoluzione senza popolo: con un romanzo dentro la Repubblica napoletana

Pubblicato il alle ore 10:11 Ultima modifica il alle ore 10:32