mottarone audio socorsi

“È caduta la cabina”. Mottarone, l’audio della prima telefonata ai carabinieri

Parole che fanno malissimo. Sono passate da poco le 12 di domenica 23 maggio quando l’operatore del 118, una donna, comunica con queste parole ai carabinieri di Verbania quanto è appena accaduto al Mottarone. “È il 118, salve. Stiamo mandando un pò di mezzi, quelli che riusciamo a recuperare”.

“Non so se vi hanno detto, a Stresa pare sia caduta una cabina… aspetti, scusi un attimo…. si è schiantata una cabina… è caduta una cabina alla funivia di Stresa”. Le notizie sono ancora frammentarie, il momento è concitato, ma i nervi sono saldi. Ci sono delle persone da soccorrere ed è questa la priorità dell’operatrice del soccorso e del carabiniere dall’altra parte della cornetta.

mottarone audio socorsi

La conversazione dura meno di tre minuti ed è spesso interrotta. L’operatrice del 118 cerca maggiori informazioni, il carabiniere impartisce le prime istruzioni alle pattuglie. “Sto mandando la medicalizzata, mando l’elicottero…”, dice la donna ai colleghi della centrale. “Ma è sopra, in cima al Mottarone, quindi?”, chiede. “È sopra in cima…”, chiede il carabiniere. “Mi dicono in cima al Mottarone – è la risposta – che casino che casino…”.


mottaronmottarone audio socorsie audio socorsi

Mottarone, l’audio choc dei soccorsi

Quel “che casino” è l’unica concessione all’emozione del momento. “Aspetti un attimo…”, chiede la donna per ottenere altre informazioni. La pausa serve al militare dell’Arma per mettersi in contatto con le pattuglie. “Stresa da centrale, stai lì in zona che appena so dove è successo ti dico. Un attimo che ho il 118 in linea”.

mottarone audio socorsi

Un attimo dopo arrivano le prime indicazioni dell’operatrice: “inizio a mandarvi lì, ma stiamo cercando di capire perché pare che la cabina sia caduta in mezzo al bosco, ma non sappiamo di preciso dove. Pare non sia raggiungibile da terra”, dice con le parole sempre più veloci una dopo l’altra. “All’interno c’erano almeno sei persone, non si sa le condizioni, sicuramente sono gravissimi. La devo salutare perché devo gestire tutto l’intervento”.

Pubblicato il alle ore 07:36 Ultima modifica il alle ore 07:37