“Lo abbiamo trovato”. Speranze finite per Nicola, il 55enne scomparso nel nulla dopo un incidente stradale

    Aveva fatto perdere le tracce dopo un incidente stradale. Era finito con la sua auto contro un albero mentre stava viaggiando lungo la strada regionale 352 che da Grado porta a Cervignano, quando all’altezza di Belvedere di Aquileia è uscito di strada finendo contro un albero. Uscito dall’abitacolo, l’uomo ha lasciato in auto il telefono e si è allontanato a piedi facendo perdere le proprie tracce.

    Subito sono partite le ricerche con un grande dispiegamento di forze dell’ordine, Nicola Baldassi, 53 anni, di San Giovanni al Natisone, nel Friuli-Venezia Giulia, era scomparso nel nulla, fino al 23 aprile, quando il suo corpo senza vita è stato ritrovato in un campo. Baldassi era uscito di casa qualche ora prima, dopo che la moglie aveva accompagnato il figlio a scuola. La famiglia aveva diffuso le foto dell’uomo, dopo che “erano giunte molte segnalazioni” aveva spiegato la moglie. Impegnati nelle ricerche la Protezione civile, i carabinieri e i vigili del fuoco. (Continua a leggere dopo la foto)


    “Ci stiamo concentrando nella zona di Aquileia, Fiumicello e Terzo d’Aquileia, con la possibilità di spostarci verso Cervignano – aveva spiegato a Friuli Oggi Riccardo Lena, coordinatore della Protezione civile di Aquileia -. Senza trascurare, ovviamente, San Giovanni. Invitiamo chiunque avvistasse Nicola a contattare il numero unico di emergenza e a segnalarcelo“. (Continua a leggere dopo la foto)

    Come ricostruisce il quotidiano ‘Il goriziano’, il 53enne è stato ritrovato in un campo tra i comuni di Aquileia e Fiumicello-Villa Vicentina. Sono stati tentativi di ritrovarlo in vita anche con il ricorso all’elicottero dei vigili del fuoco dotato di camera che rileva il calore. (Continua a leggere dopo la foto)

    {loadposition intext}

    “Sul perché sia fuggito dall’auto e come sia morto stanno ora indagando i militari della compagnia di Palmanova, coadiuvati dai colleghi delle locali stazioni”, si legge sul quotidiano. Sul posto è arrivato anche il sindaco di Aquileia, Emanuele Zorino. Una morte che colpisce tutta la comunità del paese, scrive il Messaggero Veneto, che ha vissuto con apprensione le lunghe ore di ricerca. La famiglia si è stretta in un profondo riserbo.

     

    Cadavere decapitato nel Po, l’esame del dna conferma: è Stefano Barilli. La decisione degli inquirenti

Pubblicato il alle ore 10:29 Ultima modifica il alle ore 10:29