Camilla Canepa. Cosa è la piastropenia autoimmune, la malattia di cui soffriva la 18enne morta dopo il vaccino

Camilla Canepa, 18 anni, è morta a Genova per una grave trombosi dopo essere stata vaccinata il 25 maggio con il vaccino anglo-svedese, nell’ambito della campagna Open Day per gli over 18. Una 34enne è invece ancora ricoverata. Giovedì 3 giugno, la ragazza, residente a Sestri Levante insieme alla famiglia, era arrivata in pronto soccorso accusando forti mal di testa e fotofobia, ma dalla tac cerebrale non era risultato niente.

Due giorni dopo Camilla Canepa è tornata in ospedale con deficit motorio e la tac aveva evidenziato un’emorragia da trombosi del seno cavernoso ed era stata trasferita in neurochirurgia. Lunedì è morta, ma poco dopo si è scoperto che la giovane soffriva di una malattia, la piastrinopenia autoimmune. Dalle indagini effettuate per capire se le due patologie fossero state indicate nella scheda consegnata prima del vaccino – come riporta il Corriere della Sera – si è scoperto che Camilla Canepa non aveva informato i medici vaccinatori della sua malattia.

piastropenia autoimmune camilla canepa5

“Nella scheda anamnestica di Camilla, Canepa recuperata ieri dai carabinieri del Nas, non è però indicata. È stata omessa? O la ragazza non ne era a conoscenza?”, si legge ancora nell’articolo pubblicato dal quotidiano. Ma che cosa è la piastrinopenia autoimmune?


piastropenia autoimmune camilla canepa

Come riporta il sito dell’Ail, l’Associazione italiane contro leucemie, linfomi e mieloma, la piastrinopenia autoimmune (ITP) è una malattia caratterizzata dalla drastica riduzione del numero di piastrine circolanti a causa della loro distruzione e della soppressione della produzione. La malattia viene distinta in due forme: forme primarie (circa 80% del totale) e forme secondarie(20%). In entrambe le forme la natura della malattia sembra essere di tipo autoimmune e si rilevano autoanticorpi anti-piastrine.

piastropenia autoimmune camilla canepa
piastropenia autoimmune camilla canepa

Purtroppo però non sono note le cause che scatenano questo processo e danno origine alla malattia. Nelle forme secondarie la malattia insorge a seguito di altre patologie (es: Lupus erimatoso) o a causa dell’assunzione di farmaci. La malattia ha un’incidenza stimata con un valore compreso tra 1.6 e 3.9 casi per 100000 persone per anno.

Pubblicato il alle ore 12:58 Ultima modifica il alle ore 12:58