Dramma della solitudine, Alessandro muore ma nessuno se ne accorge. La scoperta per puro caso

Venezia, il dramma tra le pareti di casa. La dolorosa scoperta è avvenuta a Mira, in provincia di Venezia, quando dall’appartemento sito al numero civico 8 di di Filippo Corridoni, l’odore era diventato insopportabile. Non si poteva immaginare che dietro quella porta di casa si trovava il cadavere di un uomo.

Un corpo in uno stato avanzato di decomposizione, quello di Alessandro Antonini, deceduto probabilmente da 15-20 giorni. La scoperta è avvenuta dopo la sollecitazione mossa dai vicini di casa del 48enne, che lamentavano odori nauseanti provenire dall’abitazione.

Mira Alessandro Antonini 48 anni cadavere appartamento

Un uomo solitario, così è stato definito Alessandro Antonini. Il 48enne non ha mai manifestato la propensione a creare relazioni con la collettività. Un carattere schivo, Alessandro non ha mai avuto un lavoro fisso e solo qualche anno fa aveva partecipato al progetto Ria, Reddito di Inclusione Attiva, preposto per fare fronte alle persone adulte che versano in condizioni di marginalità sociale.


Mira Alessandro Antonini 48 anni cadavere appartamento

Nonostante si conoscesse poco di Alessandro, la scoperta della sua morte ha decisamente scosso l’intera comunità del centro cittadino. Dopo aver varcato la porta d’ingresso, i Carabinieri hanno ritrovato il cadavere dell’uomo, quasi del tutto irriconoscibile. Una casa in ordine, un cellulare ormai scarico sul tavolo. Gli inquirenti ipotizzano che la causa del decesso sia da ricondurre a un improvviso malore.

Mira Alessandro Antonini 48 anni cadavere appartamento
Mira Alessandro Antonini 48 anni cadavere appartamento

Non avrebbe dunque fatto in tempo a chiamare i soccorsi, Il corpo di Alessandro, trovato privo di vita nella propria abitazione dopo 15-20 giorni, è stato sottoposto al riconoscimento da parte del fratello, sopraggiunto nell’appartamento non appena appresa la notizia del decesso. Il fratello della vittima ha dichiarato di aiutare economicamente Alessandro, con cui non sempre riusciva a stabilire contatti quotidiani. economicamente e proprio per questo on si sarebbe preoccupato del suo silenzio.

Pubblicato il alle ore 14:08 Ultima modifica il alle ore 14:08