Uccide la moglie a coltellate davanti ai figli: il sindaco sente le urla e scopre l’orrore

Ancora una tragedia consumata tra le mura domestiche. Viene spietatamente uccisa una donna, in casa davanti ai tre figli, tra i 2 e i 15 anni. A compiere l’assurdo gesto il marito, che ha impugnato un coltello e ha assalito la donna. Entrambi di circa 40 anni, straniera lei e italiano lui.  L’omicidio si è consumato durante la tarda serata a Milzano, in provincia di Brescia .

L’intera comunità è sotto choc, non appena è stata appresa la notizia della tragica morte della donna. Colpita con un coltello proprio per mano del marito, Luca Lupi,  e davanti ai tre figli. A dare l’allarme è stato il sindaco del paese, Massimo Giustiziero, sopraggiunto sul luogo del delitto non appena udite le urla terrorizzate dei figli della coppia. Una volta entrato in casa, lo scenario è stato terribile. (Continua a leggere dopo la foto).


Per pura casualità, Massimo Giustiziero aveva imboccato la strada prossima all’abitazione dove si è consumato l’atroce omicidio. Il sindaco, dopo aver udito le urla, è accorso in casa della famiglia. Una volta sopraggiunto nell’abitazione, è stato il sindaco del paese a trovare la figlia più grande della coppia sporca di sangue, mentre chiedeva disperatamente aiuto. Luca Lupi, marito e carnefice della donna, non ha potuto fare altro che consegnarsi alle forze dell’ordine. (Continua a leggere dopo la foto).

Non aveva altre possibilità, l’autore dell’omicidio si è consegnato alle forze dell’ordine intervenute, confessando tutto.  La notizia è stata riportata questa mattina  su Il Giornale di Brescia. Luca Lupi portava avanti un’attività di commercio di alimentari surgelati; la coppia era molto conosciuta in paese. Luca era coetaneo della moglie; 41 anni lui e 40 lei. La donna lascia tre figli. (Continua a leggere dopo la foto).

Si spegne tragicamente la vita di un’altra donna, vittima di femminicidio. Ad oggi, dal mese di gennaio 2020, in Italia sono 24 le donne che perdono la vita inspiegabilmente. L’ultima morte per femminicidio in Italia risale al 5 maggio quando a  perdere la vita è stata Marisa Pireddu, di 51 anni, anch’essa uccisa in casa dal marito Giovanni Murtas, di 57 anni, a Serramanna, comune della provincia del Sud Sardegna.‍

Un altro virus fa il salto di specie: “L’epatite dei topi colpisce l’uomo”