Michele Siciliano Morto 40 giorni Agonia Autostrada A30

“Un’altra vita spezzata dalla strada”. Michele non ce l’ha fatta: è morto a 30 anni

Non si contano più ormai le vittime della strada in Italia. Anche Michele se n’è andato per sempre e ha lasciato nel dolore più travolgente tutti i suoi parenti e amici. Ha combattuto duramente per 40 lunghissimi giorni ed è deceduto nelle scorse ore all’età di 30 anni. Era rimasto coinvolto in un bruttissimo incidente più di un mese fa, mentre stava tornando da una bellissima giornata trascorsa a mare nel completo relax. Sin dal primo istante i medici avevano capito che il quadro clinico era praticamente compromesso.

Lo hanno tenuto in vita per tutto questo tempo nella speranza che potesse riprendersi del tutto, ma purtroppo l’esito finale non è stato quello sperato. Per alcuni giorni c’erano stati dei momenti più fiduciosi, che facevano ipotizzare anche una ripresa del giovane, ma poi la situazione si è complicata nuovamente fino ad arrivare alla sua morte. Purtroppo le ferite riportate nel terribile scontro sono state troppo gravi e il suo cuore ha smesso di battere in ospedale. In tanti lo hanno voluto ricordare sui social.

Michele Siciliano Morto Incidente 40 giorni Agonia Autostrada A30

Il sinistro fatale si era verificato sull’autostrada A30 e per Michele Siciliano non c’è stato niente da fare, dopo 40 giorni di lotta. Era nato a Camposano, un paese in provincia di Napoli. Subito dopo l’incidente, i dottori avevano notato che Michele Siciliano aveva riportato ferite molto serie con le fratture di bacino, tibia, perone e altre lesioni. Si è dovuto sottoporre a diverse operazioni chirurgiche, che però non hanno risolto la situazione. La sua vita si è spenta per sempre in un letto di ospedale.


Michele Siciliano Morto Incidente Autostrada A30

La morte di Michele Siciliano è avvenuta all’ospedale ‘Del Mare’ di Napoli, mentre prima era stato trasportato all’ospedale di Santa Maria La Pietà di Nola. Questi alcuni dei commenti degli amici: “Ricorderò sempre il tuo magnifico sorriso e la tua grande umiltà che ti contraddistingueva, fai buon viaggio”, “Ci avevamo sperato perché eri forte e combattivo”, “Un’altra vita spezzata dalla strada”, “Non ti dirò addio perché ti sei solo avviato verso il tuo viaggio, questa volta ci hai proprio fatto una brutta sorpresa”.

Nelle scorse ore la strada si è portata via altre due persone. Nella serata di ieri, due ragazzi sono morti alle porte di Carpaneto in provincia di Piacenza. Le vittime avevano 27 e 30 anni. Si chiamavano Sonia Tosi e Daniele Zanrei. Erano in sella a una vespa quando son stati travolti da un’auto che procedeva a gran velocità. Alla guida dell’auto un 23enne, arrestato per omicidio stradale su disposizione del pm.

Pubblicato il alle ore 18:46 Ultima modifica il alle ore 18:46