michele serio morto 67 anni covid

“Addio maestro”. Italia in lutto, lo scrittore e musicista se n’è andato: le sue condizioni precipitate in poche ore

Addio ad un grande scrittore e musicista. All’età di 67 anni se ne è andato Michele Serio. L’intellettuale napoletano da giovedì era ricoverato per Covid all’ospedale Cotugno. Michele era considerato un punto di riferimento per molti scrittori come Niccolò Ammaniti, Valerio Evangelisti e Serge Quadruppani. Amante del mare Serio è stato anche autore di canzoni e reportage, sceneggiatore per tv movie americani, i suoi romanzi sono stati tradotti in diverse lingue.

Due settimane fa Michele Serio era stato contagiato, le sue condizioni sono peggiorate a causa di una polmonite. Inizialmente il suo stato di salute non aveva destato preoccupazioni, tanto che non era stato ricoverato in terapia intensiva. Improvvisamente il peggioramento e nella mattinata di domenica 24 ottobre è sopraggiunta la morte. In piena pandemia aveva pubblicato il suo ultimo libro “E tu di che congiuntivo sei?” (Cento Autori), con protagonista il giovane nerd sfigato Genny Scognamiglio, candidato a sindaco di Napoli.

michele serio morto 67 anni covid

Sono in tanti oggi a piangere questo fine intellettuale napoletano, musicista, scrittore nonché autore di programmi per radio e tv e di grandi successi a teatro. Sette le piece realizzate, alcune delle quali portate in scena per diversi anni. Con “Fabioplast” Michele Serio ha vinto il premio Stregatto. Ha inoltre scritto i testi e interpretato come attore protagonista dieci telefilm dal titolo “Napoli in giallo”.


michele serio morto 67 anni covid

Per la radio, invece, Michele Serio, ha scritto “Alla ricerca dell’identità perduta”, un programma a puntate su Napoli e le sue storie di strada. Per Rai2 nella trasmissione “Johnatan” ha raccontato una serie di storie originali. Insomma un artista poliedrico e completo, un autore a 360 gradi. Come musicista il suo concept album “Amici” contiene “La canzone di Antonella” considerata da molti un pezzo di culto.

È comunque nella letteratura che Michele Serio ha raggiunto la massima popolarità. Ha pubblicato per Baldini Castoldi Dalai “Pizzeria Inferno”, considerato un vero capolavoro dagli scrittori pulp, e “Nero Metropolitano”. Ha inoltre curato per Mondadori l’antologia noir “Italia odia”. Tra le sue opere si ricordano “La dote” (Flaccovio editore), “Napoli corpo a corpo: manuale di sopravvivenza quotidiana” (Marlin editore), “Giù le mani dal Vesuvio” (Cento Autori) e “365 ma non li dimostra” (Ultra Castelvecchi).

Pubblicato il alle ore 13:06 Ultima modifica il alle ore 13:06