Maurizio Venturi Morto Pordenone Malore Dolore Gamba

Ha una fitta improvvisa alla gamba, perde i sensi e muore. Una città intera piange Maurizio

Un’altra morte assurda in Italia, che ha lasciato sgomenti un’intera famiglia e un intero paese. Maurizio se n’è andato improvvisamente, in maniera incredibile. Nulla poteva far presagire un epilogo simile della sua vita, visto che non aveva accusato alcun mancamento prima del decesso. Poi il malore è giunto come una mazzata tremenda e per l’uomo, che aveva 61 anni, non c’è stato niente da fare. Nonostante si sia tentato l’impossibile pur di strapparlo alla morte, il dramma si è purtroppo consumato.

Una dipartita dunque senza preavviso, che ha scioccato tutti coloro che lo conoscevano. E il 61enne era parecchio noto nella sua zona, perché era titolare di un’attività commerciale molto frequentata dai clienti. E questi ultimi non riescono ancora a crederci che non potranno vederlo mai più, perché una morte che al momento non ha ancora spiegazioni ufficiali se l’è portato via per sempre. Non è dato sapere se sia stata disposta l’autopsia sul suo corpo per risalire alle cause esatte del decesso.

Maurizio Venturini Morto 61 anni Malore Sesto al Reghena Pordenone

Secondo quanto è stato finora riferito, Maurizio Venturi ha accusato un fortissimo dolore improvviso ad una gamba. Più precisamente si è trattato di una fitta prolungata. Pochi istanti dopo ha perso conoscenza e non si è più svegliato. Resta dunque da capire perché sia arrivato questo dolore lancinante e quale sia stato il motivo della morte. La tragica notizia è stata raccontata da ‘Il Gazzettino’ e successivamente diverse altre testate nazionali hanno rilanciato questo fatto di cronaca tristissimo.


Maurizio Venturi era decisamente molto conosciuto perché era il proprietario dell’Hostaria Marignana di Sesto al Reghena, un comune in provincia di Pordenone. Si tratta di un bar che gestiva ormai da cinque anni e che aveva deciso di aprire, dopo aver lavorato per tanto tempo all’interno di una fabbrica. Era infatti dipendente alla ‘Refel’ della zona industriale Ponterosso di San Vito. Poi la decisione di mettersi in proprio, ma cinque anni dopo è stato però raggiunto da questa morte inaspettata.

Lo sfortunato Maurizio Venturi amava moltissimo questo suo nuovo lavoro, infatti tutti hanno riferito che gestiva l’attività commerciale con passione e professionalità. Ora però nessuno più potrà rivederlo e apprezzarlo per le sue doti umane e professionali e bisognerà convivere con questa morte che non ha ancora un perché ma che è purtroppo avvenuta nelle scorse terribili ore.

Pubblicato il alle ore 20:47 Ultima modifica il alle ore 20:47