Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Matteo Messina Denaro, il boss mafioso arrestato a Palermo

Matteo Messina Denaro arrestato, come l’hanno scoperto e dov’era

  • Italia

Il boss mafioso Matteo Messina Denaro è stato arrestato dopo trent’anni di latitanza. È stato arrestato a 30 anni esatti dall’arresto di Toto Riina, preso il 15 gennaio 1993. L’inchiesta che ha portato alla cattura del capomafia di Castelvetrano, in provincia di Trapani, è stata coordinata dal procuratore di Palermo Maurizio de Lucia e dal procuratore aggiunto Paolo Guido.

Nel novembre dello scorso anno Il Gazzettino aveva riportato le dichiarazioni di Salvatore Baiardo, l’uomo che ha gestito la latitanza dei fratelli Giuseppe e Filippo Graviano in Nord Italia. Salvatore Baiardo aveva dichiarato che Messina Denaro era gravemente ammalato. Nato a Castelvetrano nell’aprile del 1962, Matteo Messina Denaro è noto anche con i soprannomi U siccu e Diabolik.

Leggi anche: Il vero volto di Matteo Messina Denaro: eccolo dopo l’arresto (FOTO)

Matteo Messina Denaro, il boss mafioso arrestato a Palermo


Matteo Messina Denaro, il boss mafioso arrestato a Palermo: dove si trovavav

Capo del mandamento di Castelvetrano e rappresentante indiscusso della mafia nella provincia di Trapani, Matteo Messina Denaro è stato uno dei boss più potenti di tutta Cosa nostra. Era arrivato a esercitare il proprio potere ben oltre i confini della propria provincia, come in quelle di Agrigento e, addirittura, di Palermo. Proprio a Palermo il boss è stato arrestato dai carabinieri del Ros (raggruppamento operativo speciale).

Figlio del vecchio capomafia di Castelvetrano Francesco Messina Denato (noto come Ciccio), storico alleato del clan dei corleonesi di Totò Riina, Matteo Messina Denaro era latitante dall’estate del 1993. È stato arrestato a 30 anni esatti dall’arresto di Totò Riina. Matteo Messina Denaro era l’unico boss rimasto in libertà a conoscere i segreti delle stragi. Tutti gli altri, da Totò Riina ai fratelli Graviano, Leoluca Bagarella, Giovanni Brusca e Bernardo Provenzano, sono stati arrestati o deceduti.

“Oggi i carabinieri del Ros, del Gis e dei comandi territoriali della Legione Sicilia, nell’ambito delle indagini coordinate dalla procura della Repubblica di Palermo, hanno arrestato il latitante Matteo Messina Denaro all’interno di una struttura sanitaria dove si era recato per sottoporsi a delle terapie cliniche”, ha detto il comandante dei carabinieri del Ros, Pasquale Angelosanto. Matteo Messina Denaro è stato arrestato mentre era in day hospital alla clinica Maddalena, in pieno centro a Palermo.

“Arrestato Matteo Messina Denaro! Complimenti alle forze dell’ordine, alla magistratura, alle migliaia di persone che ogni giorno, in silenzio, lavorano per difendere la giustizia. Grazie ai Ros ed ai magistrati per il loro lavoro!”, ha scritto su Twitter il ministro della Difesa Guido Crosetto.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004