Uno schianto tremendo e Matteo muore sul lavoro a soli 24 anni

Un terribile incidente avvenuto sulla superstrada Teramo Mare ha provocato la morte di un altro giovanissimo. Lo schianto è accaduto sulla Statale 80 e non ha lasciato scampo a un ragazzo di 24 anni. L’incidente è avvenuto tra due furgoni Fiat Doblò della stessa azienda, entrambi diretti verso Teramo.

Il tempestivo intervento dei soccorsi non è servito a salvare una delle due persone coinvolte, per il ragazzo 24enne non c’è stato altro da fare che constatare il decesso. Lo scontro è avvenuto all’altezza di Sant’Atto. Uno dei due mezzi dopo aver impattato ha terminato la sua corsa in una scarpata, mentre l’altro ha urtato il guardrail. (Continua dopo le foto)


A non essere ancora stata chiarita è la dinamica del sinistro, motivo per cui sono ancora in corso delle indagini. La vittima di 24 anni corrisponde al nome di Matteo Di Leonardo ed è deceduto sul posto. Nel luogo dell’incidente si è reso necessario anche l’intervento dei Vigili del Fuoco e degli operatori sanitari. Il flusso circolatorio è stato interrotto. Matteo Di Leonardo era di Tossicia, un piccolo centro in provincia di Teramo: il giovane è rimasto incastrato nelle lamiere dopo il tremendo schianto tra i due Doblò. (Continua dopo le foto)

A Tossicia lo ricordano tutti come un ragazzo appassionato della vita, che amava la musica e il calcio. A Tossicia il ragazzo viveva con la mamma Delfina, con la sorella Lara e la sua famiglia da sposata. Cinque anni fa aveva perso il papà Dario, storico autista della Comunità Montana. Suonava il tamburo nella banda locale Domenico Fabi. Aveva militato in varie squadre del Teramano nel ruolo di centrocampista. Aveva giocato con il Montorio nel settore giovanile, con il Tossicia in promozione e ora giocava con l’Isola.

“Ora serve il dna”. Possibile svolta nel caso di Stefano e Antonio Maiorana, padre e figlio scomparsi 14 anni fa