“È sbagliato, incomprensibile”. Covid, Matteo Bassetti: “Ecco cosa serve ora”

Epidemia e green pass, Matteo Bassetti dice la sua. Intervistato da iNews24 non ha avuto peli sulla lingua. Il medico ha preso spunto dalla manifestazione annunciata dai gestori delle discoteche in Emilia-Romagna, per mandare una stilettata al governo che, da due anni, tiene chiuse le sale da ballo. “È una misura incomprensibile, le discoteche andavano riaperte insieme a cinema e teatri anche perché dappertutto hanno riaperto. Quest’estate i ragazzi hanno ballato nelle piazze, sulle terrazze e in spiaggia, quindi non comprendo perché restino chiuse”.


Matteo Bassetti si è inoltre detto d’accordo con l’aumento della capienza al 75% negli stadi, all’80% nei cinema, teatri e sale da concerto, al 50% nei palazzetti e al 100% nei locali all’aperto. Anzi, a suo parere bisognerebbe osare di più e riaprire tutto al 100% a chi ha completato il ciclo vaccinale: “Siamo gli ultimi ad aumentare la capienza degli stadi, tutta Europa l’ha già fatto ed era inevitabile che succedesse”.

matteo bassetti

Matteo Bassetti, anche nel governo c’è chi la pensa come lui

D’accordo con Matteo Bassetti, in una certa misura e senza snocciolare numeri, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri che ha parlato a detto a ‘TimeLine’ su Sky. “La strada ormai è segnata per le riaperture e questo è indubbio. Il Green pass consentirà riaperture” di discoteche, concerti e altri eventi. “Riusciremo a dimostrare, ne sono convinto, che con il Green pass queste attività sono sicure. Perché – ha affermato il sottosegretario – si è diffusa un’idea sbagliata che la discoteca o il concerto siano mezzi di diffusione del virus”.


matto bassetti


Poi prosegue: “Questo poteva essere vero forse un anno fa, oggi con il Green pass, con un accesso controllato, e credo che il pass sia ancora meglio del controllo della temperatura, queste attività si possano fare. Garantisco – ha annunciato – che a breve daremo una soluzione per trovare quei numeri che confermeranno la bontà di ciò che sto dicendo”.

mario draghi

“È chiaro – ha però chiarito il sottosegretario – che dobbiamo aspettare ancora un paio di settimane perché dopo il periodo estivo abbiamo ripreso tutte le attività comprese le scuole (che sono poi quelle che mettono più paura ma vedrete – ha pronosticato – che anche lì vi sarà sicurezza). Vediamo come vanno i contagi”.
“Il Green pass consentirà riaperture ovviamente mediate ancora dalla distanza e dalla mascherina ma piano piano toglieremo la distanza e la mascherina, salvo che non arrivi una variante che elude i vaccini, ma non dobbiamo essere così pessimisti”.