Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Speranze finite”. Strage Marmolada, c’è la conferma ufficiale: la scoperta dei soccorritori dopo il crollo

  • Italia

A quasi una settimana dalla tragedia che si è verificata sulla Marmolada (si è staccato un seracco dal ghiacciaio) proseguono le ricerche dei dispersi tra gli escursionisti: una valanga di acqua, ghiaccio e detriti che ha spazzato via diverse cordate di alpinisti facendo una strage. Nei giorni scorsi è stata trovata la decima vittima della frana. Resti, indumenti, attrezzature tecniche: il massiccio sta restituendo, lentamente, i corpi e gli oggetti degli escursionisti travolti domenica 3 luglio.

Come ha confermato nei giorni scorsi il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, le speranze di ritrovare persone in vita sono nulle. “Il bilancio di questa tragedia è pressoché definito: stiamo parlando di 11 persone decedute o disperse”, di cui tre veneti e una donna trentina tra i quattro morti che per ora hanno un nome. “Degli otto feriti sette sono ancora in ospedale e un paio sono gravi” ha spiegato il Governatore arrivando al quartier generale dei soccorsi.

marmolada ritrovata undicesima vittima


Marmolada trovata undicesima vittima: l’identificazione tramite Dna

Nelle ultime ore c’è stato il ritrovamento dell’undicesima vittima della Marmolada. Sarebbe stata recuperata l’undicesima vittima della tragedia della Marmolada. I resti dell’ultima persona che risultava ancora dispersa sono stati individuati e si sta procedendo all’identificazione attraverso gli esami del Dna svolti dai carabinieri del Ris. Tutte le vittime finora accertate della strage sono dunque state ritrovate.

marmolada ritrovata undicesima vittima

Sono nove gli italiani rimasti uccisi dal crollo del seracco: Filippo Bari, Paolo Dani, Tommaso Carollo e Liliana Bertoldi, i coniugi Davide Miotti ed Erica Campagnaro, i fidanzati Manuela Piran e Gianmarco Gallina e Nicolò Zavatta. Due i cechi: Pavel Dana e Martin Ouda. In una intervista al Corriere della Sera ha parlato Luca Miotti, il fratello di Davide morto per la frana. “Non c’è alcuna traccia o particolare anatomico che ci permetta di riconoscerlo”, racconta al Corriere. Davide era lì insieme alla moglie Erica Campagnaro, anch’essa scomparsa. “Aspettiamo da giorni di poter riconoscere Davide e Erica. Fino ad ora nessuno ci ha contattato per l’identificazione. Ci dicono che non hanno individuato alcun corpo che sia riconducibile a mio fratello e ad Erica”, dice Luca ai cronisti presenti sotto la Marmolada.

marmolada ritrovata undicesima vittima
marmolada ritrovata undicesima vittima

“Tre giorni fa siamo stati a Canazei: abbiamo recuperato l’auto di mio fratello e ci siamo sottoposti al test salivare per il Dna, qualora ci siani dei cadaveri con cui compararlo. Anche se ci hanno detto che non rinvengono corpi, ma solo…”, a questo punto Luca si ferma e non riesce ad andare oltre. Poi il giornalista del Corriere chiede se è vero che Davide ha chiesto alla moglie di seguirlo in montagna appena il giorno prima? “Non lo so – risponde Luca Miotti, il fratello di Davide morto per la frana – ma è possibile”.

“Sepolti per sempre”. Strage della Marmolada, l’ipotesi choc: cosa succede sui luoghi di soccorso


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004