Mariolina non ce l’ha fatta: prima l’intervento estetico, poi il coma durato 5 anni e le accuse ai medici

Un’intera comunità sotto choc. La donna lascia marito e figli. Si tratta della 65enne Mariolina Vargiu, che il 28 novembre nel 2016 si era sottoposta a un intervento chirurgico presso la Clinica Estetica di Spresiano, in provincia di Treviso.

Mariolina Vargiu era residente a Cessalto ma originaria di Villacidro, in provincia di Cagliari, e il 2 ottobre il suo cuore ha smesso di battere per sempre. La 65enne si trovava in uno stato vegetativo dal 2016, anno in cui si è sottoposta a un intervento di chirurgia presso la Clinica Estetica di Spresiano per rifarsi il seno e le palpebre.

Mariolina Vargiu decesso 65 anni intervento seno palpebre coma indagine medici

Il cuore di Mariolina non ha più retto e lascia per sempre marito e figli, che hanno chiesto un risarcimento pari a un milione e 400mila euro, attraverso il legale Alessandro De Paoli del foro di Pordenone, mentre resta aperto il fascicolo d’indagine disposto dalla Procura per omicidio colposo ai danni dei due medici che hanno eseguito l’intervento.


Mariolina Vargiu decesso 65 anni intervento seno palpebre coma indagine medici

Nello specifico si tratta dell’anestesista Francesco Cammilli e del chirurgo estetico Francisco Mora Zambrano. Intanto sul corpo della donna è stata disposta l’autopsia affidata ad Antonello Cirnelli. Lo scopo è quello di chiarire se i danni cerebrali permanenti riportati dalla donna hanno o meno un nesso con l’intevento chirurgico.

Mariolina Vargiu decesso 65 anni intervento seno palpebre coma indagine medici
Mariolina Vargiu decesso 65 anni intervento seno palpebre coma indagine medici

Infatti alla luce dell’indagine condotta dal Nas di Treviso, coordinato dalla Procura è emerso che alla donna sarebbe stata somministrata una elevata dose di anestetico. Questo avrebbe dunque impedito a Mariolina di riprendere coscienza per poi entrare in uno stato di coma. Dal 2016 Mariolina Vargiu, non più autosufficiente, è stata ricoverata presso una struttura sanitaria, fino al 2 ottobre, quando i suoi occhi si sono chiusi per sempre.

Pubblicato il alle ore 13:33 Ultima modifica il alle ore 13:33