Roberto Serio Morto Lutto Giornalismo Italiano

Giornalismo italiano in lutto. Uomo brillante e sensibile, è stato sconfitto da un brutto male a 59 anni

Il mondo del giornalismo italiano perde una figura brillante, meticolosa e sensibile, così come lo hanno voluto ricordare i tanti amici e colleghi. Un giornalista che ha lasciato letteralmente il segno in molti ambiti, da quello istituzionale a quello culturale. Ha collaborato nel corso della sua carriera con il settimanale ‘Vivo’ e in tanti altri quotidiani e periodici. Lui è anche stato direttore del ‘Modena Radio City’ e ha anche guidato l’esperienza pilota dei free pass del gruppo ‘Espresso’, ma non solo.

Oltre al suo ottimo lavoro di stampo giornalistico, era stato in grado negli anni Novanta di prestare servizio nell’ambito della comunicazione pubblica; infatti, ha messo a punto diverse avventure in alcuni enti locali ed era stato anche abile nella comunicazione pubblicitaria, in virtù della sua grande fantasia. Era infatti stato collaboratore di alcune agenzie della sua terra di origine. Se n’è andato a 59 anni, dopo aver combattuto a lungo contro un male che purtroppo si è rivelato non curabile.

Lutto Giornalismo Morto Roberto Serio Modena

A morire è stato il giornalista Roberto Serio, che per ben dieci anni è stato all’ufficio stampa del comune di Modena. Ad inviare un messaggio di cordoglio ai suoi familiari ci ha pensato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli. La camera ardente di Roberto Serio si svolgerà nella giornata di domenica 19 settembre a Terracielo dalle ore 9 alle 19. Per quanto riguarda l’estremo saluto, i suoi funerali si terranno invece lunedì 20 settembre alle ore 16 sempre a Terracielo. Una notizia che ha lasciato tutti di stucco.


Roberto Serio Morto Lutto Giornalismo Italiano

A salutare per l’ultima volta Roberto Serio è stata anche ‘La Gazzetta di Modena’, che ha scritto questo messaggio: “La redazione della Gazzetta di Modena si unisce al cordoglio per la scomparsa di Roberto, un punto di riferimento nel nostro lavoro in tutti questi anni, sempre attento alle nostre esigenze e disponibile. Ci mancherà la sua umanità, simpatia e ironia con cui sapeva sdrammatizzare le cose, anche nelle situazioni più complicate. Ciao Roberto”. Un dolore immenso per chi gli voleva bene.

Questo il ricordo del sindaco di Modena nei confronti di Roberto Serio: “Aveva saputo sviluppare un grande lavoro, con profondità, in tante delle principali iniziative culturali della città, contribuendo alla sua promozione a livello nazionale, e dimostrando grande generosità in ogni situazione. Amava Modena, ed era un grandissimo tifoso dei canarini”. Dunque, anche un grande appassionato di calcio.

Pubblicato il alle ore 17:48 Ultima modifica il alle ore 17:48