luciano carbonaro 30 anni morto incidente

“Morto per colpa di un maledetto animale”. Luciano aveva solo 30 anni, il dolore straziante di mamma Barbara

Notte tragica quella tra sabato 22 e domenica 23 agosto. Luciano Carbonaro, 30enne di Crespina Lorenzana, ha perso la vita a Cenaia dopo un brutto incidente stradale. Il giovane stava viaggiando con il suo scooter su via Livornese in direzione di Ponsacco. Secondo la prima ricostruzione dei soccorritori un cinghiale avrebbe tagliato la strada al 30enne che ha perso il controllo del motorino ed è finito a terra. Subito dopo è stato travolto da una macchina che sopraggiungeva.

La donna alla guida dell’automobile, che viaggiava nella stessa direzione, non è riuscita ad evitare l’impatto con lo sfortunato ragazzo. A dare l’allarme è stata la stessa conducente della macchina. Subito la centrale operativa del 118 ha inviato due ambulanze e l’automedica. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Pontedera.

luciano carbonaro 30 anni morto incidente

Non è ancora chiaro se Luciano sia deceduto a causa dello scontro con il cinghiale oppure per le ferite riportate dopo essere stato travolto dall’auto. L’incidente è avvenuto poco prima della mezzanotte. A nulla sono valsi i tentativi degli operatori del 118, quando sono arrivati il 30enne era già morto. Luciano Carbonaro era originario di Paternò (Catania) ma viveva in via Moro a Cenaia. Faceva l’operatore socio sanitario nell’azienda ospedaliera di Pisa.


luciano carbonaro 30 anni morto incidente

La salma di Luciano Carbonaro è stata trasferita a medicina legale a disposizione della procura. Ai carabinieri il compito di stabilire se ci siano eventuali responsabilità penali. Inconsolabile la mamma del povero ragazzo. Barbara Furnari è stata avvertita dai carabinieri nella notte. Con un post su Facebook si è poi sfogata: “Mio figlio è volato in cielo per un bast…o di cinghiale che gli ha tagliato la strada. Non si può morire così, mio figlio aveva una vita davanti”.

Purtroppo in quel tratto di strada che conduce a Tremoleto non è infrequente il passaggio di cinghiali, soprattutto nelle ore notture. Il sindaco di Crespina Lorenzana Thomas D’Addona ha dichiarato: “Quanto accaduto mi dispiace molto, un giovane rimasto vittima di questa fatalità è una cosa veramente difficile da accettare. Un pensiero commosso alla famiglia del ragazzo”.

Pubblicato il alle ore 11:31 Ultima modifica il alle ore 11:31