Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Luca Miotti il fratello di Davide morto per la frana

“Si potevano salvare tutti”. Marmolada, rabbia e dolore del fratello di una vittima: cosa ha notato

  • Italia

Si torna a parlare della tragedia della Marmolada. E dice la sua Luca Miotti, il fratello di Davide morto per la frana. “Non c’è alcuna traccia o particolare anatomico che ci permetta di riconoscerlo”, racconta al Corriere della Sera. Davide era lì insieme alla moglie Erica Campagnaro, anch’essa scomparsa. “Aspettiamo da giorni di poter riconoscere Davide e Erica. Fino ad ora nessuno ci ha contattato per l’identificazione. Ci dicono che non hanno individuato alcun corpo che sia riconducibile a mio fratello e ad Erica”, dice Luca ai cronisti presenti sotto la Marmolada.

“Tre giorni fa siamo stati a Canazei: abbiamo recuperato l’auto di mio fratello e ci siamo sottoposti al test salivare per il Dna, qualora ci siani dei cadaveri con cui compararlo. Anche se ci hanno detto che non rinvengono corpi, ma solo…”, a questo punto Luca si ferma e non riesce ad andare oltre. Poi il giornalista del Corriere chiede se è vero che Davide ha chiesto alla moglie di seguirlo in montagna appena il giorno prima? “Non lo so – risponde Luca Miotti, il fratello di Davide morto per la frana – ma è possibile”.

“L’ultima telefonata ai genitori”. Marmolada, la conferma sul disperso più giovane

Luca Miotti il fratello di Davide morto per la frana


Luca Miotti, il fratello di Davide morto per la frana: “Potevano salvarsi tutti”

E ancora: “Si volevano bene ed erano innamorati della montagna. Andavano spesso insieme. Mio fratello era una guida esperta e anche lei aveva una buona esperienza in montagna. E poi quella era un’uscita semplice. Come sempre lui l’aveva organizzata tutto in sicurezza, altrimenti non sarebbe andato. E certamente non l’avrebbe fatto insieme alla donna che amava”.

Luca Miotti il fratello di Davide morto per la frana

“Mio fratello era una guida esperta a cui facevano riferimento tante altre guide. Tutti gli amici e conoscenti del Cai di Castelfranco hanno detto che avrebbero fatto le stesse cose che ha fatto Davide: è partito presto al mattino, è sceso presto per rientrare. Le guide che vanno in montagna di basano sull’esperienza, ma anche su quello che vedono sulle condizioni meteo e sul caldo”.

Luca Miotti il fratello di Davide morto per la frana

“Invece questa volta a lui è mancato un dato informativo sullo stato del ghiacciaio. C’è un ufficio della Provincia di Trento che monitora la situazione metereologica e nevosa. Se andate a vedere la cronistoria vedrete che è segnalato pericolo giallo il giorno dopo, e non il giorno prima o quello della disgrazia”. Secondo il fratello di Davide quindi, l’uomo e gli altri avrebbero potuto valutare di non andare.

“Trovato sulla montagna”. Marmolada, il ritrovamento dei soccorritori dopo il crollo del ghiacciaio


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004