Leopoldo Lucchese morto palermo

“Non è giusto”. Leopoldo, morto a 22 anni dopo un incidente. La rabbia dei parenti in ospedale

Si chiamava Leopoldo Lucchese e aveva soltanto 22 anni. Parliamo al passato perché il giovane è morto. Era appena uscito da casa e dopo soli 100 metri si sarebbe schiantato contro un muretto. Siamo a Palermo, precisamente in via Cruillas è qui che il giovane è spirato durante il trasporto in ambulanza verso il nosocomio più vicino. Soccorso dai sanitari del 118, è stato portato a Villa Sofia ma, a causa dei gravi traumi riportati, è deceduto in ambulanza.

Proprio all’arrivo in ospedale sono stati registrati momenti di tensione con familiari e amici.Da quello si sa, Leopoldo Lucchese, che si trovava a bordo di una Suzuki Slingshot, avrebbe perso il controllo del mezzo finendo contro un muretto di cinta. La moto invece avrebbe terminato la sua corsa qualche decina di metri più avanti, dopo aver sbattuto contro alcune macchine in sosta. I residenti descrivono una scena straziante, vista anche dalla nonna del giovane che si è affacciata al balcone dopo aver sentito l’impatto.

Leopoldo Lucchese morto palermo

Residenti, amici e passanti hanno provato a contattare più volte il numero unico d’emergenza 112 per segnalare l’accaduto e chiedere l’intervento dei soccorritori. “Abbiamo chiamato più volte – racconta una ragazza – ma hanno risposto dopo diversi minuti e l’ambulanza ci ha messo circa mezzora. Leopoldo Lucchese era a terra agonizzante ma ancora respirava”.


Leopoldo Lucchese morto palermo

Leopoldo Lucchese, tensione in ospedale

Forse è per questo che gli animi si sono accesi tra gli amici del giovane e i sanitari. Informato dell’accaduto il sostituto procuratore Pierangelo Padova ha disposto l’autopsia nell’Istituto di medicina legale del Policlinico per verificare le condizioni di Leopoldo Lucchese al momento dell’incidente e chiarire se abbia avuto un malore o altro.

Leopoldo Lucchese morto palermo

Il giovane Leopoldo Lucchese, diplomato all’Istituto Einaudi, aveva una grande passione per le due ruote ed era riuscito a trasformarla in un impiego. Da tempo infatti lavorava come gommista nel punto vendita Gammicchia di via Ruggero Marturano, di fronte alla Chiesa del Don Orione, dove trascorreva gran parte delle sue giornate.

Pubblicato il alle ore 12:14 Ultima modifica il alle ore 12:14