“Non si può morire così”. Fabio, la tragedia sul lavoro a 39 anni. La rabbia di tutti: “Inaccettabile”

Lecce, tragico incidente sul lavoro. Fabio Sicuro, questo il nome dell’operaio di 39 anni morto mentre era intento a demolire il solaio di un garage a Palmariggi. Stava adoperando un martello pneumatico per i lavori di ristrutturazione, quando sotto gli occhi dei colleghi è precipitato al suolo.

Non appena visto il corpo del collega precipitare, i colleghi non hanno potuto fare altro che lanciare prontamente l’allarme ai soccorsi. Nel giro di pochissimo tempo sul posto, sono intervenuti l’ambulanza del 118, la squadra dei carabinieri e gli ispettori dello Spesal.

Lecce Fabio Sicuro 39 anni operaio morto incidente solaio

“Le tragedie sul luogo di lavoro sono delle ferite aperte del tessuto sociale ed economico del territorio. Stavolta purtroppo siamo stati colpiti nel vivo, perché Fabio era un lavoratore iscritto alla Fillea e vicino al nostro sindacato è ora di lanciare sul territorio una grande campagna informativa unitaria, insieme con Cisl e Uil, perché non è accettabile uscire da casa per lavorare e non tornare più”.


Lecce Fabio Sicuro 39 anni operaio morto incidente solaio

Questo il contenuto di una nota in merito alla tragedia da parte delle segretarie generali provinciali di Lecce di Cgil e Fillea, Valentina Fragassi e Simona Cancelli. Infatti per l’operaio di 39 anni, purtroppo, nulla da fare. Fabio Sicuro è morto poco dopo essere trasportato d’urgenza presso la struttura ospedaliera.

Lecce Fabio Sicuro 39 anni operaio morto incidente solaio
Lecce Fabio Sicuro 39 anni operaio morto incidente solaio

Sul corpo dell’operaio è stata disposta l’autopsia da parte del magistrato di turno, il pm Maria Vallefuoco, così come il sequestro dell’intera area proprio per permettere ai carabinieri di proseguire con le indagini atte a fare luce della dinamica del drammatico incidente.

Pubblicato il alle ore 09:47 Ultima modifica il alle ore 09:47