Addio Irene, giornalista stroncata da un infarto a soli 31 anni

Irene Delfino, 31 anni, è stata trovata senza vita dai genitori venuti in Versilia per trascorrere il Natale con la loro unica figlia. La giovane giornalista e blogger è stata stroncata da un infarto, che ha spento i suoi suoi sogni.

Come ricostruisce la Nazione, ulteriori dettagli potrebbero emergere da succesive verifiche medico-legali in programma oggi all’ospedale Versilia. Fashion blogger e giornalista, prima di dedicarsi alla moda, Irene aveva seguito le sorti della Fiorentina calcio sul sito del Corriere Fiorentino. (Continua a leggere dopo la foto)


“Ma non escludo che il decesso di mia figlia sia legato all’anoressia”, ha detto il padre Alessandro. La giovane giornalista in passato aveva sofferto infatti di anoressia e negli ultimi anni era andata avanti tra alti e bassi, fino a pesare anche meno di 40 chili. Non si esclude un collegamento tra la sua condizione fisica la morte della giovane, anche se gli stessi genitori hanno spiegato al quotidiano toscano che da tempo la figlia stava meglio. (Continua a leggere dopo la foto)

“La nostra idea era di raggiungerla a Marina di Pietrasanta al mattino o nel primo pomeriggio – racconta il padre a La Nazione – ma ci ha chiesto di andare dopo le 18 perché doveva finire di preparare gli ultimi pensierini natalizi. A causa anche del traffico siamo arrivati intorno alle 20,45. Lei scriveva molto di notte e riposava di giorno, per questo non ci siamo preoccupati nel vederla ancora a letto a quell’ora. Era in posizione supina e sembrava dormisse”. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Il racconto del padre prosegue: “Ma intorno alle 23 ancora non scendeva: mia moglie è andata a controllare, l’ho sentita gridare e mi sono precipitato”. La madre ha provato a mettere la mano sulla fronte della figlia per vedere se avesse la febbre, ma ha sentito la sua pelle fredda e ha capito che per la sua Irene non c’era niente da fare. Sul posto sono intervenuti l’ambulanza della Misericordia di Marina di Pietrasanta e gli agenti del commissariato di polizia di Forte dei Marmi.

Coronavirus, dal 7 gennaio Italia di nuovo divisa per colori. L’indiscrezione: “Le regioni che resteranno chiuse”