Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Doveva essere un intervento di routine”. Michela muore a 28 anni, la fidanzata dell’ex calciatore non ce l’ha fatta

  • Italia
michela muore 28 anni intervento routine

Doveva essere un’operazione di routine, si è trasformata in tragedia. È morta a soli 28 anni, a pochi giorni dal 29esimo compleanno, Michela Andretta di Acilia, frazione di Roma. La giovane lavorava come estetista, un lavoro che l’appassionava, e aveva un fidanzato col quale stava progettando il suo futuro. La donna non aveva mai avuto particolari problemi di salute.

Tuttavia durante l’intervento chirurgico ha avuto un arresto cardiaco. Questo è quello che hanno dichiarato i medici della clinica Fabia Mater di Roma alla famiglia e al fidanzato di Michela dopo due ore di operazione. In passato Michela era stata una ballerina di hip hop. Ora sognava di sposare il compagno Andrea Carboni, ex calciatore e allenatore delle giovanili della Pro Calcio Aurelio. Ma un triste destino glielo ha impedito.

Leggi anche: “L’abbiamo trovata”. Milena, il giallo del cellulare e poi la svolta nelle ricerche: era scomparsa 5 giorni fa

michela muore 28 anni intervento routine


I familiari di Michela hanno intrapreso azioni legali

Michela Andretta si è sottoposta ad un’operazione per la rimozione di un angioma. Nessuno pensava che l’intervento si sarebbe trasformato in una tragedia. I suoi familiari e il fidanzato, assistiti dall’avvocato Marina Colella, hanno subito intrapreso azioni legali. Andrea Carboni ha presentato denuncia ai carabinieri della stazione di Centocelle che hanno sequestrato la cartella clinica e inviato un’informativa alla Procura.

michela muore 28 anni intervento routine

L’ex calciatore ha dichiarato: “Michela stava bene, non aveva nessun problema. Questa visita era stata prenotata da tempo. Dobbiamo sapere che cosa le è accaduto. Non è normale morire così senza una spiegazione”. Il procuratore Francesco Paolo Marinaro ha disposto l’autopsia. L’esame dovrà chiarire le cause del decesso e verificare eventuali responsabilità mediche.

C’è da capire se la morte di Michela sia stata provocata da complicazioni legate all’intervento, da errori medici o altri fattori come possibili reazioni allergiche. Secondo gli inquirenti l’intervento per asportare l’angioma all’orecchio non desta particolari preoccupazioni. Tuttavia può diventare complicato se si trova in profondità.

“Il nostro angelo”. Michela muore a 10 anni, l’orrore davanti alla madre


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004