Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Arrivo mamma, tranquilli”. Lucrezia, 16 anni, l’ultima telefonata prima del terribile schianto

  • Italia
Incidente stradale a Bitonto, l'ultima telefonata di Lucrezia

Sono giorni di dolore a Bitonto, in provincia di Bari, in Puglia, città da cui provenivano le vittime del terribile incidente stradale avvenuto la notte del 25 aprile sulla provinciale 231. Lucrezia Natale è la vittima più giovane. Aveva appena 16 anni e frequentava l’indirizzo economico sociale del liceo di Bitonto. Alessandro Viesti, 24 anni, lavorava nella tabaccheria del padre e aveva un fratello gemello.

Morti anche Floriana Fallacara, 20 anni, che aveva perso la mamma due anni fa, e il fidanzato Tommaso Ricci, elettricista di 23 anni che era alla guida della Opel. Le vittime erano residenti a Bitonto e si conoscevano da sempre. Erano grandi amici e avevano deciso di trascorrere la serata al Mc Donald. Floriana e Tommaso hanno pubblicato una foto insieme prima di uscire da casa e trascorrere la serata insieme agli amici.

Leggi anche: Tragico schianto: 4 giovani morti, 2 feriti gravi. Lucrezia, i fidanzati Floriana e Tommaso e Alessandro avevano tra i 16 e i 24 anni

Incidente stradale a Bitonto, l'ultima telefonata di Lucrezia


Incidente stradale a Bitonto, l’ultima telefonata di Lucrezia

La vettura, a bordo della quale viaggiavano le quattro vittime, una Opel Corsa, si è scontrata frontalmente con un’altra che procedeva in senso opposto. I vigili del fuoco intervenuti sul luogo dello scontro hanno estratto dalle lamiere dell’altra vettura coinvolta due feriti, ricoverati in ospedale in gravi condizioni, rispettivamente al Policlinico e al Di Venere. Gli agenti del commissariato di Bitonto sono intevenuti per avviare le indagini e capire la dinamica dell’incidente stradale, mentre i carabinieri del comando di Modugno si sono attivati per gestire la viabilità della strada provinciale 231.

Incidente stradale a Bitonto, l'ultima telefonata di Lucrezia

Dopo il dolore per la morte dei quattro ragazzi saltano fuori particolari sulla loro vita e sui momenti che hanno preceduto il tragico incidente stradale. Lucrezia, la più piccola del gruppo, aveva sentito poco prima i genitori. “Sono quasi a casa. Sto arrivando”, le parole che avrebbe detto durante la telefonata con il padre e la madre per tranquillizzarli. Oggi il dolore di tutti quelli che conoscevano la 16enne vittima del terribile incidente stradale. “La dirigente scolastica, professoressa Francesca Rosaria Vitelli, e la comunità tutta si riunisce attorno alla famiglia colpita dall’improvvisa scomparsa di Lucrezia, alunna del terzo liceo, durante il tragico incidente stradale”, è il messaggio di cordoglio che si legge sulle pagine social della scuola.

Le sue migliori amiche sono distrutte dal dolore: “Sono cresciuta insieme ad Ezia sin dalla terza elementare – ha detto Doriana, sua compagna di classe -. Voleva fare la criminologa o essere una militare. Mi mancherà tantissimo”. “Aveva tantissime ambizioni – scrive Dania – e una forza ineguagliabile, la stessa che molte volte manca agli adulti. Sorrideva sempre, era raro vederla piangere”.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004