Antonio Cariello Morto Incidente Moto

L’auto dell’amico è in panne, lo va ad aiutare e si schianta con la sua moto. Antonio muore a 35 anni

Tragedia sulla strada, l’ennesima di questa estate che sta per concludersi. A 35 anni Antonio è morto in seguito ad un terribile impatto con la sua moto. Assurda la dinamica del sinistro stradale, che gli ha tolto la vita per sempre. L’uomo, che era un agente della polizia penitenziaria, aveva deciso di mettersi in viaggio per soccorrere un collega in difficoltà, che era in panne. Ha percorso la statale e si è reso protagonista di un gravissimo scontro con un’automobile che non gli ha lasciato scampo.

I fatti si sono verificati nelle Marche, sulla strada statale 16 tra Castelfidardo e Porto Recanati. Il 35enne lavorava ad Ancona ma era residente a Camerano. Ha lasciato nel dolore più profondo sua moglie e i suoi due figli, che non potranno mai più vederlo tornare a casa e riabbracciarlo. Le forze dell’ordine sono al lavoro per comprendere con esattezza quale sia stata la dinamica dei fatti, anche se è già uscita fuori una prima ricostruzione. Un dramma totale anche per la polizia penitenziaria anconetana.

Antonio Cariello Morto Incidente Stradale Marche

Antonio Cariello, questo il nome completo della sfortunata vittima, si sarebbe schiantato in modo frontale contro una macchina che stava viaggiando verso la direzione sud. All’interno della vettura c’erano due coniugi sempre di Camerano, paese di origine di Antonio Cariello, di 87 e 90 anni che si sono però salvati. Per lui invece non c’è stato praticamente niente da fare, infatti i sanitari del 118, giunti sul luogo dell’incidente, non hanno fatto altro che accertare il suo avvenuto decesso.


Antonio Cariello Morto Incidente Marche

Dopo aver appreso della morte di Antonio Cariello, il segretario regionale del sindacato autonomo polizia penitenziaria della Basilicata, Saverio Brienza, ha scritto: “Oggi è una giornata tremendamente triste. Purtroppo un caro amico e collega ci ha lasciati a causa di un terribile incidente con la sua moto. Antonio Cariello, di Ruoti in servizio presso la Casa Circondariale di Ancona. Antonio lascia moglie e figli in tenera età e fa il suo ultimo viaggio in paradiso, dopo un impatto tremendo nei pressi di Ancona”.

Poi il ricordo di Antonio Cariello si è concluso così: “Conoscevo molto bene Antonio, così come conosco bene tutta la sua famiglia, a cui ripongo il più sentito cordoglio da parte del Sappe della Basilicata. Con la perdita di Antonio la Polizia Penitenziaria piange un fratello, stimato per le sue altissime qualità umane e professionali”. Un dolore difficile da immaginare per la sua famiglia.

Pubblicato il alle ore 10:04 Ultima modifica il alle ore 10:04