L’impatto violentissimo e Gabriele muore sul colpo. 26 anni, già padre e sempre pronto per gli altri

Ancora una vittima dell’asfalto, questa volta volta ad essere messa in croce è la comunità di Pianoro. A lasciare un posto vacante è un papà di 26 anni, di nome Gabriele Mimmi, rimasto vittima di un terribile incidente stradale.

Il sinistro è avvenuto sulla via Nazionale, la sp65 della Futa, all’altezza di via del Sassetto. Intorno alle 19 Gabriele Mimmi era in sella alla sua motocicletta e procedeva in direzione Bologna, quando il fatale impatto contro una Mercedes non gli ha lasciato scampo.


La mercedes usciva dal cancello di un’azienda, guidata da un 72enne del luogo, e si stava immettendo sulla carreggiata in direzione opposta alla moto guidata da Gabriele, ovvero Pianoro Vecchia. Le cause dello scontro sono ancora da stabilire, al vaglio della polizia municipale. Si è riuscito ad appurare il violentissimo impatto tra la moto e l’auto: frontale e violentissimo. Pare che la moto sia sopraggiunta all’improvviso e che il 72enne non abbia fatto in tempo ad accorgersene. La dinamica è comunque ancora tutta da chiarire.

Fin da ragazzo Gabriele ha prestato servizio da volontario nella Pubblica Assistenza, prima a Sasso Marconi, poi a Pianoro, in cui era impiegato finora. Non solo soccorritore, ma anche infermiere alla Centrale Operativa 118 Emilia Est. Gabriele si era sposato da poco e la sua morte lascia un vuoto in cui saranno per sempre costrette a vivere una bambina e la sua mamma. Da tempo amministrazioni e residenti di Pianoro battagliano per ottenere dei velox fissi sulla Futa. L’inaugurazione ufficiale dei dispositivi, tanto attesi, è prevista a breve ma per Gabriele è ormai tardi.

L’impatto in autostrada, Enrica non ce l’ha fatta: “Piovuto dal cielo, sembrava una bomba”

Pubblicato il alle ore 13:59 Ultima modifica il alle ore 14:22