“Ubriachi, potevano salvare Greta”. Morti lago di Garda, nuovi dettagli sui due turisti tedeschi

Nuovi particolari sulla tragedia del Lago di Garda dove hanno perso la vita Greta Nedrotti e Umberto Garzarella. Si appesantisce la posizione dei due turisti tedeschi accusati di aver travolto con il proprio motoscafo, e secondo le testimonianze raccolte in paese ubriachi, la barca su cui viaggiava la coppia. A quanto riporta il legale della coppia Guido Sola infatti, dopo lo scontro mortale i due si sarebbe scappati senza prestare soccorso.


“Sono rientrati a casa, ma non vuol dire che sono scappati”. Subito dopo essere stati rintracciati, per uno dei due erano scattate le manette ai polsi. Provvedimento poi cestinato perché per gli inquirenti era stato impossibile stabilire con certezza se fosse realmente al comando del motoscafo al momento dell’incidente. “Ogni giorno sono in contatto con me e sono distrutti per quanto accaduto. Non si sono accorti di nulla e sono stato io domenica a comunicargli che erano morte due persone”, ha spiegato il legale.

umberto garzaretta

Greta Nedrotti, il racconto dei dipendenti del rimessaggio

Una storia che ha duramente colpito l’intera comunità. E oggi, dopo il recupero del cadavere di Greta Nedrotti dalle acque del lago di Garda, a Salò, i dipendenti del rimessaggio e le persone coinvolte nelle ricerche della sua salma, raccontano i drammatici momenti dell’incidente. Una fonte anonima spiega a Fanpage.it che “un altro nostro cliente che era rientrato prima ha sentito la barca rientrare e ha visto che la barca stava affondando. È venuto a suonarci sotto casa, i miei famigliari sono scesi per dare una mano a questo cliente che stava affondando non pensando all’incidente”.


umberto garzaretta greta nedrotti


E il sospetto terribile è che Greta Nedrotti sarebbe potuta essere salvata. “Non è morta nell’impatto, è affogata”. Dopo il ritrovamento del corpo di Greta Nedrotti i carabinieri hanno effettuato un giro di controllo dei porti chiedendo se vi fosse una barca accidentata, trovandola proprio nel rimessaggio. “Sì, erano alterati e ubriachi ma non sappiamo a che livelli”, spiega ancora la dipendente del posteggio barche.

Greta Nedrotti


I due indagati, che come detto sarebbero già tornati in Germania, erano sul lago per assistere al passaggio delle 1000 Miglia: dopo di che sarebbero andati a cena in un ristorante sulla sponda veronese, per poi tornare a Salò in serata. Nel mezzo, la terribile tragedia costata la vita a Greta Nedrotti e al fidanzato.

Pubblicato il alle ore 15:28 Ultima modifica il alle ore 15:36