Giuseppe Sarzana Morto Scomparso Un Mese Ragusa

Trovato morto. Giuseppe, un mese esatto senza notizie dopo la scomparsa. Poi quella più tragica

La notizia più brutta è purtroppo arrivata. Dopo un mese di ricerche, Giuseppe è stato trovato morto e si sono spente qui le speranze dei suoi familiari di ritrovarlo in vita. Era sparito nel nulla precisamente il 30 giugno scorso. Dopo essere uscito dalla porta della sua abitazione, si erano poi completamente perse le sue tracce. I suoi parenti hanno chiesto aiuto alle autorità competenti e a tutti coloro che potessero fornire importanti informazioni al fine di rintracciare l’uomo, che ora non c’è più.

Aveva 52 anni e probabilmente non ha mai ascoltato gli appelli dei suoi familiari. Resta comunque da comprendere con certezza se sia deceduto subito dopo la sparizione. Il suo cadavere è stato rinvenuto nella sua automobile in una strada che non è assolutamente facile da raggiungere. Si trova esattamente in una zona che viene usata spesso come campo scout. Si tratta di una riserva e proprio alcuni addetti della stessa hanno fatto la triste scoperta e hanno dunque contattato le forze dell’ordine.

Giuseppe Sarzana Morto Un Mese Scomparso Ragusa

Il corpo di Giuseppe Sarzana è stato trovato nella riserva siciliana del Pino d’Aleppo, tra i comuni di Vittoria e Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa. Lui era però nato nella città di Palermo. Stando alle prime informazioni, Giuseppe Sarzana potrebbe essere deceduto per cause naturali, quindi non ci sarebbero misteri intorno al suo decesso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che stanno ugualmente indagando sul fatto. La sua salma era sul sedile di guida e la vettura era chiusa dall’interno. Non segnalate effrazioni.


Giuseppe Sarzana Morto Campo Scout Un Mese Scomparso Ragusa

Per poter recuperare il cadavere di Giuseppe Sarzana i militari hanno dovuto forzare lo sportello della macchina. Dai primi esami effettuati dal medico legale Giuseppe Algieri, sarebbe emerso che sarebbe morto circa dieci giorni fa, ma non è da escludere che il decesso sia avvenuto anche prima di questa data. Non sono stati trovati segni di violenza sul 52enne, quindi non ci sarebbe stata una morte causata da qualcuno. Non ci sarà nemmeno bisogno dell’autopsia, perché gli investigatori non hanno molti dubbi.

La fase di indagine è stata affidata al sostituto procuratore Marco Rota, il quale ha preso la decisione di restituire il corpo di Giuseppe Sarzana alla sua famiglia per poter poi celebrare i funerali. Non è stato ritenuto necessario fare ulteriori approfondimenti sul cadavere. Resta l’enorme tristezza per un epilogo inaspettato su una vicenda così dolorosa.

Pubblicato il alle ore 14:50 Ultima modifica il alle ore 14:50