“In ospedale dopo un incidente”. Brutto momento per Giorgio Armani: “Un intervento delicato”

Giorgio Armani ha raccontato lo spiacevole episodio a margine del suo ultimo show a palazzo Orsini, in via Borgonuovo (Milano), allestito in occasione della Milano Fashion Week Moda Uomo. Il re del made in Italy è stato ricoverato per 15 giorni a causa di un incidente, una caduta cui è seguita una brutta frattura alla spalla.

Re Giorgio è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico che è stato lui stesso a raccontare. Una volta sulla passerella insieme a Leo dell’Orco, il suo storico collaboratore, lo Giorgio Armani ha spiegato: “Circolano le voci che sono stato ricoverato in ospedale. Ebbene, sì è vero e per 15 giorni. Più quelli fatti a casa. Perché ho avuto un incidente e sono stato operato”. Ecco spiegato il motivo.

L’incidente risale a poco meno di un mese fa: “Quando hanno aperto i cinema ho detto finalmente vado a vedere un film. Ma uscendo incontro sulla scala due buzzurri, uno voleva farsi notare e l’altro vendermi dei libri. Erano seduti, io sono passato non ho trovato il gradino e sono caduto di faccia. E ho ottenuto questo risultato”. Detto ciò Giorgio Armani ha mostrato la lunga cicatrice che parte dalla spalla sinistra e attraversa la pelle fino all’avambraccio, segno dell’intervento.


“Mi sono rotto l’omero in più punti e me ne hanno dovuto dare diciassette per ricucire tutto. Però volevo esserci per questa sfilata e anche per quella prossima a Parigi. E quindi ha notato qualche piccola incertezza nel mio deambulare ecco spiegato il motivo. Era solo quello”.

La passerella è stata calcata anche da Leo dell’Orco, che è al fianco di Giorgio Armani da ben 45 anni. “Era giusto uscire con Leo che da cosi tanti anni mi aiuta sulle collezioni maschili, è il mio collaboratore ed è molto bravo così come mia nipote Silvana sulla donna. Ecco, sto preparando il mio futuro con le persone che ho in carico adesso”, ha dichiarato ancora re Giorgio accolto da scroscianti applausi.

Pubblicato il alle ore 11:25 Ultima modifica il alle ore 11:35