“Ecco come sono morti Viviana e Gioele”. Giallo di Caronia, la procura: “Non ci sono dubbi”. Ed è polemica

La loro storia ha tenuto gli italiani col fiato sospeso per molti giorni. La mattina del 3 agosto Viviana Parisi e il figlio Gioele scompaiono nel bosco di Caronia in seguito a un incidente stradale. Scattano le ricerche della mamma e del piccolo di 4 anni, ma per un mese non c’è nessun risultato. Viviana e Gioele sembrano scomparsi nel nulla e già si inizia a sospettare che le ricerche non siano state effettuate in modo corretto.

Dove mai sarebbero potuti andare una madre e suo figlio di 4 anni a piedi? E infatti dopo un mese i corpi di mamma e figlio vengono ritrovati vicino al luogo in cui era avvenuto il tamponamento. La Procura parla subito di omicidio-suicidio. Viviana, che soffriva di crisi depressive e aveva problemi con il marito Daniele Mondello, avrebbe ucciso il piccolo Gioele e poi si sarebbe tolta la vita gettandosi da un traliccio dell’alta tensione. La famiglia, però, si oppone. In queste ore, a tre mesi da quel tragico ritrovamento, sembra che per la Procura non ci siano più dubbi. (Continua a leggere dopo la foto)


Secondo alcune indiscrezioni la Procura di Patti avrebbe deciso per l’archiviazione. Dunque la prima ipotesi di omicidio-suicidio sarebbe confermata in toto, nessun dubbio: Viviana ha ucciso il figlio e poi si è tolta la vita. Si va quindi verso l’archiviazione del caso, nessun nuovo elemento è stato trovato per una versione alternativa dei fatti. La famiglia Mondello, però, rifiuta categoricamente questa ricostruzione. (Continua a leggere dopo la foto)

Il consulente nominato dai familiari di Viviana, il criminologo Carmelo Lavorino, continua ad essere molto critico nei confronti della Procura e è convinto che siano stati fatti numerosi errori nelle indagini. Prima di tutto per quanto riguarda modi e tempi delle ricerche della dj 43enne e del figlio. Secondo le analisi e gli accertamenti investigativi svolti, però, sono da escludere aggressioni da parte di animali feroci ai danni di Viviana e Gioele. (Continua a leggere dopo la foto)

Inoltre pare sia risultato determinante, per la decisione di archiviare il caso da parte dei magistrati, il quadro psicologico di Viviana Parisi. Nelle prossime settimane saranno rese note anche le perizie che dovrebbero fugare ogni dubbio. I legali della famiglia Pietro Venuti e Claudio Mondello, però, ribadiscono: “Più andiamo avanti e più ci convinciamo che la signora Parisi non si è tolta la vita. Allo stato attuale non ci sono dati forensi o qualsiasi altra traccia che possa spingerci a pensare al gesto estremo”.

“Non è possibile, non è così”. Viviana e Gioele, la forte decisione della famiglia. Cosa sta succedendo

Pubblicato il alle ore 13:08 Ultima modifica il alle ore 13:10