Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“È il corpo di Gabriele”. Lo chef 22enne trovato morto tra gli scogli: nessuna pista esclusa

  • Italia

L’hanno trovato senza vita sulle rocce dopo essere caduto. A perdere la vita uno chef di 22 anni che lavorava a La Valletta, capitale di Malta. Quella scogliera la conosceva bene perché ci andava soprattutto quando era di riposo dal suo lavoro. La tragedia ha sconvolto la cittadina di Borgomanero in provincia di Novara da cui proveniva. La dinamica dell’accaduto è ancora in fase di accertamento: a perdere la vita è stato Gabriele Cecconi, giovane cuoco di 22 anni che lavorava a Malta.

Abitava alla cascina Barbarana, ai confini col territorio di Cureggio. Aveva frequentato l’istituto alberghiero a Gattinara poi, dopo una serie di stage in locali italiani aveva colto l’occasione di un’offerta di lavoro all’estero. Nonostante la giovanissima età era uno degli chef di Palazzo Parisio, uno degli hotel più prestigiosi di Malta, situato nella parte interna dell’isola, a Naxxar.

gabriele cecconi chef trovato morto malta roce


La salma di Gabriele Cecconi è arrivata in Italia lunedì 30 maggio ci sono stati i funerali. “Il nostro abbraccio in aeroporto — ricorda la sorella Giulia — è l’ultimo ricordo che ho di te e il fatto che ti ho avuto tra le mie braccia dicendoti ‘ti voglio bene, se hai bisogno basta che mi scrivi'”. Sui social sono comparse tantissime frasi per ricordare il giovane chef piemontese, come quello della sua ragazza Raisa Grech.

malta palazzo parisio

“Volevi vedere il mondo, proprio come io ho sempre voluto. Andare all’avventura e prenderla giorno per giorno, imparare altre lingue (anche se ne conoscevi già quattro), incontrare persone di culture diverse, lavorare in altri luoghi dove puoi crescere e finire alla fine capo chef del proprio ristorante”. Gabriele Cecconi era molto conosciuto a Cureggio, dove era cresciuto in compagnia con il gruppo di giovani di cui facevano parte Yoan Leonardi e Alberto Pastore.

malta naxxar
malta scogliera

Questi ragazzi ora non si danno pace per quello che è accaduto al loro amico: “Era estroverso – si legge su La Stampa – sempre con la battuta pronta e la capacità di sdrammatizzare, un compagnone, una persona a cui tutti volevamo un gran bene. Appena poteva tornava in Italia e veniva a Cureggio: l’ultima volta che l’abbiamo visto era a Pasqua. Stava facendo una bella carriera, perché lavorava in uno dei migliori alberghi di Malta, ma il suo sogno era di diventare un grande chef e per questo sperava di andare un giorno nel Nord Europa, per affrontare nuove sfide”.

Dramma in montagna, blocco di ghiaccio travolge alpinisti: 2 morti e 9 feriti


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004