filippo morando 37 anni morto infarto

“Addio, Filippo”. Si accascia a terra mentre fa jogging: morto a 37 anni

Tragedia a Camposampiero, provincia di Padova. Nel pomeriggio di sabato 16 ottobre un medico di 37 anni, Filippo Morando è morto mentre stava facendo jogging. L’uomo si trovava a pochi metri dalla propria abitazione quando si è accasciato a terra. A quanto pare è stato un infarto a stroncargli la vita. Filippo si stava allenando come era solito fare, era infatti un grande sportivo.

In quel momento nella strada passavano alcune persone che si sono subito rese conto della gravità della situazione. Hanno immediatamente chiamato i soccorsi. Ma i tentativi di rianimarlo da parte dei sanitari del 118 sono stati tutti inutili. Per il 37enne non c’è stato nulla da fare. La comunità del paese di residenza del medico è molto scossa dall’accaduto. Filippo era un medico molto noto e apprezzato, ma anche un marito e un papà.

filippo morando 37 anni morto infarto

Filippo Morando ha lasciato a piangerlo la moglie Chiara, anche lei medico, e due figli di uno e tre anni. Il 37enne operava da tre anni nell’ospedale di Cittadella. Faceva parte del team guidato dal dottor Natalino Simioni. In questo periodo i suoi sforzi erano tutti protesi nella lotta al Coronavirus. Numerosi i messaggi di cordoglio giunti ai familiari, compreso un post dell’Unità locale sociosanitaria della provincia di Padova. “ADDIO FILIPPO SEI STATO UN COLLEGA ESEMPLARE.


filippo morando 37 anni morto infarto

Con incredulità e dolore – prosegue il messaggio – l’Azienda Ulss 6 Euganea ha appreso l’improvviso trapasso del dottor Filippo Morando, durante una giornata di pausa lavorativa. Oggi abbiamo perso un medico ideale, come è stato definito da chi lavorava al suo fianco. Medico internista presso il reparto di Medicina dell’Ospedale di Cittadella, il dottor Filippo Morando era riconosciuto come il collega che tutti vorrebbero avere: si distingueva per umanità esemplare e disponibilità costante, era un uomo di profonda cultura e scrupolosa formazione”.

“Da tre anni prestava servizio nella nostra Ulss dove ha lavorato sino a pochi giorni fa in prima linea, nei reparti dedicati ai pazienti Covid-19. La notizia della sua scomparsa ci lascia sgomenti per la perdita di una giovane vita e di uno stimato professionista. L’Azienda Ulss 6 Euganea esprime le più sincere condoglianze alla moglie, a tutti i familiari e a quanti hanno avuto il pregio di conoscerlo. Buona corsa caro Filippo, lassù“.

Pubblicato il alle ore 12:34 Ultima modifica il alle ore 12:34