Tempesta di grandine sulla A1, centinaia di auto danneggiate e strada chiusa al traffico

Una tempesta di grandine si è abbattuta in pochi minuti sulla A1. Scene apocalittiche e traffico chiuso. Centinaia i mezzi, tra auto e camion che si trovavano a passare durante l’ondata di maltempo, che hanno avuto gravi danni a parabrezza e carrozzeria. Si sono verificati anche tamponamenti a catena. Le auto si sono formate in mezzo alla carreggiata per cercare di sfuggire alla grandine, in particolare in direzione di Milano.
È successo nei pressi di Fidenza, nel tratto fra Parma e Fiorenzuola che ora è chiuso.

A dare notizia è anche il sindaco di Fidenza. “Alle 15.00/15.15 circa una tromba d’aria ha sferzato alcune zone di Fidenza tra cui il centro storico. La Polizia Locale, le forze dell’Ordine stanno intervenendo in diversi punti per garantire la sicurezza stradale e delle persone. In centro storico una copertura di un edificio si è completamente sbriciolata e diversi pezzi di truciolato, anche grandi, sono ora sparsi in varie parti del centro storico, in particolare via Cavour”.

tempesta grandine


E ancora continua il sindaco di Fidenza: “Molte strutture private, sedie tavoli tendoni, sono danneggiate e San Donnino Multiservizi sta già riprogrammando i servizi per ripulire le zone colpite. Con pazienza e grazie alle vostre segnalazioni, che potete mettere anche qua, iniziamo a ripristinare. A San Polo Torrile il tetto della palestra comunale è stato sradicato dalla tromba d’aria: danni ad alcuni edifici anche a Colorno.


tempesta grandine


I vigili del fuoco stanno intervenendo per mettere in sicurezza le situazioni più critiche. In pieno centro a Fidenza i tavolini dei bar sono stati divelti, mentre nelle campagne alcune aziende agricole hanno subito numerosi danni. Una violenta ondata di maltempo che non finirà a breve.

tempesta grandine


Il team del sito www.ilmeteo.it, riporta Adnkronos, comunica che la settimana appena iniziata risulterà piuttosto movimentata: nel corso delle prossime 24 ore un fronte temporalesco transiterà sull’Italia, facendo sentire i suoi effetti principalmente sulle regioni settentrionali e su parte di quelle centrali: osservati speciali saranno i settori alpini, quelli prealpini e le zone di pianura piemontesi, lombarde, emiliane e gran parte del Triveneto.

Pubblicato il alle ore 18:43 Ultima modifica il alle ore 18:45