Federico Sereni emanuela morta parto

“L’ho sentita che stava cenando, è stata l’ultima volta”. Emanuela, morta a 42 anni durante il parto

Quella che vi stiamo per raccontare è una storia che sembra un incubo. È la vicenda di un uomo che nessuno vorrebbe vivere. Federico Sereni è ancora incredulo per quanto successo alla moglie Emanuela Paolinelli, originaria di Mastiano, in Toscana. L’uomo chiede che venga fatta luce sul decesso della moglie, mentre continuano le indagini per identificare eventuali responsabili.

A risultarle fatale, in base al primo riscontro dell’autopsia disposta dalla Procura, sarebbe stata un’embolia polmonare verificatasi in correlazione con l’imminente nascita della sua bambina, che è invece riuscita a sopravvivere anche se è ricoverata da quasi sette mesi nel reparto di neonatologia di Pisa. Federico Sereni ha detto: “Voglio sapere cos’è successo quella sera dopo che alle 19,25 sono uscito dalla stanza dopo aver parlato con mia moglie che aveva le contrazioni”.

Federico Sereni emanuela morta parto

E ancora Federico Sereni: “L’ho lasciata che stava cenando in attesa del parto indotto e alle 22,30 era morta – ha continuato il marito al quotidiano toscano -. Lo stesso primario Gianluca Bracco, che ha seguito mia moglie durante tutta la fase della gestazione in cui ha manifestato una forma di diabete, non riesce a capire cosa è successo in quel lasso di tempo che va dalle 20,55 al cesareo eseguito d’urgenza sino al decesso”.


Federico Sereni emanuela morta parto

Poi Federico Sereni dice: “Tra quattro giorni sono sette mesi che Emanuela non c’è più. Mi sono fatto tante domande e pretendo di avere delle risposte. Perché se fosse stato commesso un errore nella procedura questo errore non deve più accadere e se c’è qualcosa da correggere va corretto. Nessun altro marito o genitore deve subire una sofferenza indicibile come quella che è capitata a me e alla mia famiglia”.

Federico Sereni emanuela morta parto

Federico Sereni, il ringraziamento ai medici

“Ci tengo a dire una cosa: voglio ringraziare di cuore il professor Filippi e la sua squadra di medici, infermieri e personale sanitario che si occupa di mia figlia come se fosse una loro figlia mettendo al primo posto un’umanità e una professionalità che, nonostante ciò che mi è accaduto, mi fanno continuare a credere nella sanità italiana e nelle sue eccellenze”, conclude Federico Sereni. Intanto, continuano le analisi sulla morte di Emanuela, avvenuta a dicembre ma tornata alla ribalta soltanto ora.

Pubblicato il alle ore 09:04 Ultima modifica il alle ore 09:04