“Fate scorta di acqua e cibo”, ecco la disposizione del governo che sta facendo molto discutere. C’è un’emergenza in corso? Tutta la verità (che non ci lascerà indifferenti)

 

La norme in materia di sicurezza, attuate dai governi di mezza Europa, sono i veri argomenti del momento. La legge francese che proibisce l’uso del Burkini, il costume da mare femminile indossato dalle donne di fede islamica, ha infiammato le prime pagine dei giornali di tutto il mondo. Il dibattito sul Burkini, ha infiammato anche il dibattito politico nostrano e l’opinione pubblica si è trovata divisa sull’argomento. Adesso una nuova norma, presa stavolta dal governo tedesco, sta scatenando non poche perplessità.

Il Bundenstag domani approverà la prima legge riguardo un piano di “difesa civile” per far fronte ad attentati, situazioni catastrofiche e persino a guerre nucleari.


(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

A rivelare il piano, ci ha pensato il settimanale “Frankfurter Allgemeine Zeitung” che sulle sue pagine ha pubblicato le prime anticipazioni sul documento che verrà proposto domani al parlamento tedesco.

(Continua a leggere dopo la foto)

Il documento di 69 pagine, redatto dal governo tedesco, ricorda molto le norme prese dai governi durante la guerra fredda. E proprio da allora e da quel periodo, non venivano emanate leggi del genere. Infatti le ultime disposizioni in materia di «Concezione di difesa civile», erano state elaborate nel gennaio del 1989, prima della caduta del Muro di Berlino e quando la Nato faceva ancora esercitazioni per una guerra con l’Unione sovietica.

(Continua a leggere dopo la foto)

Il documento risponde a domande quali “come ci si protegge da attacchi con armi biologiche o chimiche? Come si mette la popolazione in sicurezza se si diffonde una nuvola radiottiva? Dove fugge il governo se c’è la minaccia di un attacco? Dove vengono depositati beni culturali in caso di guerra?”. Un vademecum per situazioni che di certo nessuno si augura, ma che sta per essere approvato soprattutto a causa della sempre più grave minaccia dei terroristi legati all’Isis. Nel documento fra l’altro vengono consigliate misure per la difesa e il consolidamento degli edifici, oltre a raccomandazioni per la popolazione: fare scorta d’acqua e di alimenti o nuove disposizioni sui sistemi di allarme che comprenderebbero non solo la costruzione di app per telefonini ma anche quella di tradizionali sirene meno esposte a cyberattacchi.

Mezzo mondo ne parla e fa polemiche, ma pochi sanno cosa è. A che serve il burkini? Tutto quello che c’è da sapere: com’è, chi lo ha inventato e perché

Pubblicato il alle ore 10:36 Ultima modifica il alle ore 11:29