“Il virus sta cambiando”. Fabrizio Pregliasco: “Quali sono ora le persone più a rischio”

Il Covid non molla la presa e, per di più, sta mutando. È l’allarme lanciato dal virologo dell’Università Statale di Milano Fabrizio Pregliasco, in un’intervista a “Timeline” su Sky TG24. Parole che arrivano a poche ore dalla notizia del possibile passaggio della Sicilia e della Sardegna in zona gialla. A scriverlo è l’Adnkronos che riporta come la Sicilia supera oggi per la prima volta la soglia del 15%, prevista dai nuovi parametri fissati dal governo, per i ricoveri in area medica non critica.


Secondo i dati rilevati da Agenas al 16 agosto, la regione si attesta infatti al 16% del tasso di occupazione dei reparti con un aumento dell’1%. In rialzo anche il valore della Calabria al 14% (+1%), della Sardegna a 9% (+1%) e della Basilicata al 10% (+1%). La Sardegna, invece, supera la soglia massima di occupazione dei posti letto nelle terapie intensive da parte di pazienti Covid, fissata al 10%, attestandosi all’11%, dopo l’aumento di un punto percentuale registrato ieri.

fabrizio pregliasco


La saturazione dei reparti non dipende solo dal numero assoluto di ricoverati, ma anche dalla capacità di accoglienza, dunque su un numero relativamente basso di posti letto in terapia intensiva, come quello di cui dispone la Sardegna, è bastato un nuovo ingresso per far superare la soglia (in totale i pazienti in intensiva, a ieri, erano 22 in totale).


mascherine


Numeri che non lasciano dormire sonni tranquilli in vista dell’autunno. “Questo virus sta cambiando. Non siamo di fronte ad nuovo virus, ma ha sicuramente una presenza molto più alta nei giovani”, ha dichiarato Fabrizio Pregliasco. “L’immunità di gregge è, purtroppo, a rischio. Lo sappiamo sia per questa maggiore predilezione nei giovani, sia perché l’R0 del Covid originale aveva una contagiosità di 2.5, quindi due casi e mezzo ogni caso indice”.

fabrizio pregliasco


E ancor: “Mentre adesso questo virus variato ha un R0 di 7 e dunque una contagiosità che lo fa avvicinare alle malattie infettive più contagiose come morbillo e varicella”, ha aggiunto. Fabrizio Pregliasco si è poi soffermato sul tema dei vaccini anti-Covid. “Sono utili nei giovani, e anche nelle donne in gravidanza: è fondamentale questo aspetto. Le società scientifiche di tutto il mondo l’hanno ribadito rispetto all’opportunità, alla necessità, di questo tipo di vaccinazione durante la gravidanza proprio perché il Covid contratto durante la gravidanza non è una bella cosa per la mamma in attesa, e per il risultato del lavoro che ha in quel momento l’organismo”.

Pubblicato il alle ore 14:34 Ultima modifica il alle ore 14:34