Inferno sulla statale. Cisterna si ribalta e prende fuoco: esplosioni e fiamme altissime

Uno spaventoso incendio si è sviluppato stamani lungo il Valico della Somma, sulla statale Flaminia in direzioni di Terni. Per cause ancora da accertare un’autocisterna che trasportava 40mila litri di carburante si è incendiata nelle prime ore del mattino. A dare l’allarme ai vigili del fuoco due autotrasportatori che si sono immediatamente resi conto del pericolo. Per domare le fiamme, altissime, sono intervenuti due squadre dei vigili del fuoco da Terni e Spoleto.


Vista la proporzione dell’incendio in loro supporto anche quelli del distaccamento di Foligno con Aps ed autobotte e un elicottero dei vigili del fuoco dall’aeroporto di Perugia. La motrice del mezzo è precipitata giù per la scarpata mentre la cisterna è rimasta in bilico. Illeso, in maniera miracolosa, il conducente che stava portando il carico lungo il Valico della Somma.

cisterna in fiamme


Apocalittica la scena che si è presentata ai soccorritori. Sono state avvertite alcune esplosioni, mentre una porzione della scarpata è stata travolta dalle fiamme. Tanti i disagi al traffico. Il blocco sul Valico della Somma ha portato alla chiusura provvisoria del tratto km 115,000, in corrispondenza di Spoleto. Il traffico è stato deviato con indicazioni in loco.


cisterna in fiamme


Sul posto, scrive Umbria Journal, sono presenti anche le squadre Anas e le Forze dell’Ordine per la gestione della viabilità e per ripristinare appena possibile la circolazione. Non risultano sono altri mezzi coinvolti. La situazione nel Valico della Somma, è ora sotto controllo ma le operazioni andranno avanti diverse ore. L’incendio – secondo quanto si apprende – si è propagato dopo che il mezzo si è ribaltato, provocando un’alta e densa nuvola di fumo.

incidente stradale


A dare l’allarme ai vigili del fuoco, come detto, due autotrasportatori che si sono immediatamente resi conto del pericolo. Nelle prossime ore sarà fatta più luce sulle ragioni del sinistro che, solo per miracolo, non ha provocato conseguenze ben più gravi e vittime.

Pubblicato il alle ore 14:37 Ultima modifica il alle ore 14:37