Escono in barca per una gita romantica ma lei, Paola, ha un malore e cade in acqua. Il fidanzato lancia l’allarme e il corpo, ormai senza vita, viene trovato poche ore dopo. Ma il racconto di Marco non convince e in queste ore arriva la svolta

 

Le risposte che Marco, il fidanzato di Paola Ferri, la donna annegata al largo di Ostia (Roma), continuava a dare su quanto accaduto in mare due giorni fa non hanno mai convinto gli inquirenti. Per questo motivo l’uomo è  stato indagato per omicidio colposo e questa mattina sarà nuovamente ascoltato dai militari della guardia costiera e dagli agenti della squadra mobile di Roma. 

(Continua a leggere dopo la foto)


{loadposition intext}

I fatti – I due, 48 anni lei, 34 lui, escono per una gita in barca: a un certo punto Paola, che non sa nuotare, ha un malore, batte la testa e cade in acqua.

Lui racconta di non essere riuscito ad aiutarla ma di aver dato l’allarme, intorno alle 15.

Qui si apre uno scenario fatto di dubbi, perché il corpo della donna verrà ritrovato tre ore dopo a un miglio dalla riva: come mai Marco non l’ha soccorsa? Le condizioni del mare erano ottime: non era mosso e la corrente era debole.

Inoltre il cadavere aveva ancora addosso i vestiti, strana circostanza data l’alta temperatura della giornata, confermata anche dalla tante persone che, in costume, si trovavano in spiaggia.

(Continua a leggere dopo la foto)

La capitaneria di Porto che sta conducendo le indagini sul caso della donna recuperata a largo del mare di Ostia, lunedì pomeriggio non ha dubbi. ‘’Se avesse ingerito acqua – si legge su Il Messaggero – il corpo sarebbe andato a fondo e non lo avremmo potuto ritrovare dopo poche ore, ma a distanza di giorni’’

Il provvedimento è stato disposto dal pubblico ministero Carlo Lasperanza. 

 (Continua a leggere dopo la foto)

‘’Un atto dovuto per gli inquirenti – si legge ancora nell’articolo a firma di Mirko Polisano – che stanno ricostruendo quelle drammatiche ore partendo proprio dalla versione fornita dal 34enne. La dinamica dei fatti, così come raccontata stando alle dichiarazioni dei verbali, secondo gli investigatori non sarebbe ‘compatibile’ con gli eventi’’.

Un altro particolare che non convince gli inquirenti è l’abbigliamento della donna. Paola Ferri era vestita dalla testa ai piedi, con le scarpe e senza avere con se né un telo su cui poggiarsi, né il costume nonostante le alte temperature.

“Le ho gettato l’alcol sulla faccia, poi l’ho vista bruciare e urlare. Ecco cosa ho fatto davanti a lei”. La confessione choc di Vincenzo Paduano: il racconto dell’omicidio di Sara Di Pietrantonio

 

Pubblicato il alle ore 08:16 Ultima modifica il alle ore 11:49