ercolano uccisi per errore giuseppe tullio

“Morti per un motivo assurdo”. Spari dal balcone, Tullio e Giuseppe uccisi mentre chiacchierano in auto

Un assurdo scambio di persona. Sono stati uccisi così, per un errore, due amici di 26 e 27 anni. Giuseppe Fusella e Tullio Pagliaro si trovavano a bordo di una macchina, ferma, in via Mercogliano, ad Ercolano, comune della città metropolitana di Napoli. All’improvviso il proprietario di una villetta è uscito in strada e ha aperto il fuoco sui due giovani. Il motivo? Secondo quanto ricostruito dagli investigatori l’uomo avrebbe scambiato Giuseppe e Tullio per due ladri.

Tutto è avvenuto nella notte tra giovedì 28 e venerdì 29 ottobre. L’uomo al momento è in stato di arresto. I due amici avevano deciso di fermarsi a fare una chiacchierata dopo aver giocato una partita di calcetto con altri conoscenti in un campo non lontano dal luogo del duplice omicidio. Il proprietario della villetta in passato avrebbe subito diversi furti. Quando ha visto i due uomini dentro la macchina era convinto che fossero due ladri e ha aperto il fuoco, uccidendoli.

ercolano uccisi per errore giuseppe tullio

Al momento sull’episodio stanno indagando i carabinieri della Compagnia di Torre del Greco che stanno cercando di ricostruire la dinamica dei fatti. Tullio Pagliaro e Giuseppe Fusella erano incensurati e originari di Portici. Chi li conosceva li descrive come due bravi ragazzi, amici da sempre. Tullio lavorava e amava viaggiare e le serie tv, Giuseppe era uno studente.


ercolano uccisi per errore giuseppe tullio

L’uomo che ha aperto il fuoco, Vincenzo Palumbo, autotrasportatore di 53 anni, deteneva l’arma legalmente. Ha sparato almeno tre o quattro colpi. La via dove si trovava la macchina con a bordo Tullio e Giuseppe era buia. L’uomo avrebbe sparato da una distanza di 15, massimo 20 metri, forse direttamente dal balcone della villa. Circostanza questa da confermare. Recentemente all’uomo era stata rubata un’automobile.

Per Tullio Pagliaro e Giuseppe Fusella non c’è stato nulla da fare. Le loro salme sono state portate al Policlinico di Napoli per l’auotpsia. Intanto il sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto, ha commentato l’accaduto: “La nostra città è sconvolta da quanto accaduto la scorsa notte a San Vito. Una tragedia che ha colpito profondamente la nostra comunità. Questo è il momento del silenzio. Al momento gli inquirenti stanno accertando l’esatta dinamica dell’accaduto. Il mio pensiero come sindaco e come padre è per le famiglie colpite da questa immane tragedia”.

Pubblicato il alle ore 15:55 Ultima modifica il alle ore 15:56