“Era una donna splendida e altruista”, i suoi amici la ricordano così. Ora lei è morta schiacciata dalle macerie. Colpa del terremoto disastroso che ha devastato il centro Italia. Ma Tiziana è vittima di un destino beffardo. La sua storia agghiacciante

 

Tra le vittime del terremoto di magnitudo 6 che ha colpito un’area a cavallo tra le province di Rieti e Ascoli alle 3:38 della notte tra martedì e mercoledì, c’è anche Tiziana Lo Presti, 60 anni, funzionario romano del Dipartimento nazionale della Protezione Civile. Era un’esperta di terremoti, aveva dedicato tutta la sua vita nella Protezione Civile. Il suo lavoro era pianificare le strategie per risolvere le emergenze e ad aiutare gli altri, ma per Tiziana Lo Presti, 60 anni, funzionario romano del Dipartimento nazionale, il destino è stato crudele beffardo. 

La donna si trovava ad Amatrice, a casa dell’anziana madre, che vive nella frazione Salette e che in questi giorni si trovava ricoverata nell’ospedale del paese.


(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Tiziana si trovava a Salette, una frazione di Amatrice, e al momento del terribile crollo era nella casa materna. La donna non era in servizio, aveva lasciato Roma per stare vicino alla mamma che, nonostante la struttura ospedaliera sia rimasta danneggiata dal sisma delle 3.36, si è salvata. Lei, invece, non ce l’ha fatta e non è riuscita a fuggire prima che l’abitazione crollasse.

(Continua a leggere dopo le foto)

A dare l’allarme ai soccorritori, ieri mattina, dalla Capitale era stata la figlia della Lo Presti che non riusciva più a mettersi in contatto con madre. Nessuna risposta al telefono, la giovane donna si è spaventata e ha chiamato subito i colleghi di Tiziana che si sono così messi in moto per cercarla.

(Continua a leggere dopo la foto)

Chi conosceva Tiziana Lo Presti la descrive come una donna “molto vivace, di un’energia inesauribile, sempre pronta a mettersi a disposizione di chi era in difficoltà”. La funzionaria della protezione civile amava viaggiare, “andare alla scoperta di posti nuovi intraprendente. Era molto giovanile, con una tempra forte e volitiva”. Al Dipartimento i colleghi sono affranti: “Con lei se ne va una risorsa preziosa”. 

Ti potrebbe anche interessare:  “Ma anche no”. Choc totale in diretta tv: nel bel mezzo della maratona televisiva sul terremoto che ha devastato il centro Italia, l’inviata di La7 se ne esce con una proposta di pessimo gusto

Pubblicato il alle ore 16:44 Ultima modifica il alle ore 11:28