È successo davvero, il padre non accetta la situazione e organizza un raid punitivo. È andato da lui con pistola e mazze. Ennesima e triste storia di questo tipo che accaduta in Italia. Ecco cosa è successo…

 

Non tollerava che il figlio (18 anni) fosse omosessuale e frequentasse un ragazzo marocchino, poco più grande. Così ha deciso di porre fine a quella relazione, organizzando una vera e propria spedizione punitiva. È accaduto ad Alba, in provincia di Cuneo. L’uomo, uno stimato professionista della zona, non appena ha scoperto che il figlio frequentava il giovane, ha cercato di dissuaderlo in tutti i modi. Non riuscendoci, ha atteso una notte, assieme a un complice, il ragazzo marocchino a un distributore di benzina. Il giovane, infatti, aveva un appuntamento con il diciottenne non lontano. Il padre era riuscito a saperlo e aveva ingaggiato un amico, un artigiano di Alba, per portare a termine la spedizione.

(Continua a leggere dopo la foto)


{loadposition intext}

I due, armati di mazza e pistola, hanno quindi aspettato al distributore il ragazzo marocchino e poi lo hanno riempito di botte. Un amico del giovane che era con lui in macchina è finito in ospedale, con una prognosi di tre mesi. Dopo averli picchiati, i due aggressori si sono dileguati. Inizialmente il padre del diciottenne e il complice avevano sbagliato bersaglio: avevano fermato una macchina e, dopo averne spaccato i finestrini e picchiato il conducente, si sono accorti che all’interno non c’era chi cercavano. I carabinieri sono riusciti a far emergere la verità e a identificare gli autori della spedizione, esaminando le telecamere attive in zona e ascoltando le testimonianze delle vittime. Il padre del diciottenne e il suo complice sono stati denunciati per lesioni, minacce aggravate e danneggiamento. L’uomo, interrogato, non ha ammesso nulla. Per Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay, si tratta di “un episodio di gravità inaudita, un allarme che deve essere affrontato con urgenza dal Parlamento”. Questo caso, ha aggiunto, “accende ancora una volta i riflettori sul l’omotransfobia del nostro Paese e sul livello di legittimazione sociale e culturale su cui questo fenomeno può contare. Questi sono gli episodi per fronteggiare i quali chiediamo una legge contro l’omotransfobia che punisca con severità atti di questo tipo che non possono essere incasellati solo come aggressioni e violenza privata, ma che devono essere trattati per quello che sono, cioè crimini d’odio. Servono perciò specifiche aggravanti, le stesse che chiediamo da anni, invano, alla politica. L’assenza di queste aggravanti contribuisce a derubricare come meno gravi le aggressioni a sfondo omotransfobico, creando un ignobile senso di tolleranza e legittimazione culturale rispetto a queste violenze. Di tutto questo fanno le spese giovani ragazze e ragazzi, la cui unica colpa è di voler vivere liberamente i propri affetti”.

 

Ti potrebbe interessare anche:  Eredità gay contestata. Convivevano da 20 anni e ha deciso di lasciare tutto alla compagna…ma i parenti non ci stanno e (che brutta storia)

 

 

Pubblicato il alle ore 20:28 Ultima modifica il alle ore 11:50