Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
dramma povertà manager finito lastrico

“Costretto a vivere in auto”. La denuncia choc del manager in rovina

  • Italia

Dramma povertà, sempre più le persone in stato di necessità costretta chiedere aiuto alla Caritas o a strutture assistenziali; tra loro c’è anche lui, top manager finito sul lastrico che oggi vive in macchina. A raccontare la sua storia è Repubblica. Di compassione o elemosina Giuliano non vuole vivere, per questo sul parabrezza della sua auto ha attaccato un cartello. “Vivo in macchina. Se avete bisogno di fare la spesa io ve la faccio e ve la porto a casa per uno o due euro (quello che potete). Sono anche un amante dei cani e se vi può far piacere porto il vostro amico a quattro zampe a fare i bisogni”.


“E un bel giretto. Naturalmente col sacchetto per raccogliere la cacca. Spero di conoscervi e di esservi utile. Grazie. Giuliano”. Poche parole e tanta dignità. “Ero un manager di un’azienda fornitrice di acqua ed energia. Avevo una famiglia e con mia moglie abbiamo due bambini. Poi il terremoto. Sono finito tra gli accusati di un giro di tangenti di cui non ho mai saputo nulla, ho provato a difendermi ma non c’è stato verso”, racconta a Repubblica.

Leggi anche: “Vivo in macchina, non ho più un soldo”. Il dramma del comico di Zelig finito in miseria

dramma povertà manager finito lastrico


Dramma povertà, la storia di Giuliano: “Avevo tutto, ho perso anche la mia famiglia”


E ancora: “Sono stato licenziato. Anche mia moglie non ci poteva credere. Poi sono scivolato in una spirale depressiva e ho perso anche mia moglie. Ora vivo qui, questa macchina è tutto quello che ho. Grazie del suo interessamento, ma non voglio niente”. Poi, incalzato dalla domande Giuliano, 50 anni, si sbottona. “Ho due lauree, avevo tutto e in un attimo ho perso tutto. Pure mia moglie prima di lasciarmi mi ha accusato di essere stato un padre assente e aveva ragione, ma lavoravo dodici ore al giorno e avevo poco tempo per i bambini”.

dramma povertà manager finito lastrico


“Ora sto così. Faccio lavoretti, campo con poco. In auto mi devo spostare sennò i vigili mi fanno la multa. Alla caritas non vado perché, vabbé non vado perché mi vergogno. Sento tanta gente in difficoltà. Con me parlano perché faccio tenerezza. Ma questa crisi è molto più grave di quanto pensiate. Qualcosa da fare capita sempre. Lavoretti semplici da aggiungere a chi mi chiede di fargli la spesa o di far uscire i cani”.

dramma povertà manager finito lastrico


Quindi conclude: “Mi tengo sempre intorno al centro, raramente mi spingo in periferia. Io chiedo poco, perché mi basta poco per vivere. Per sopravvivere”. Una storia come purtroppo ce ne sono tante. E tante potrebbero nascere sulla spinta del caro vita che hanno segnato una crescita dei costi sempre più insostenibile per le famiglie.

Reddito di cittadinanza, l’ultima discussione sulla misura: cifre e modifiche


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004