Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Donna morta nel baule, la figlia di Concetta crolla: “Non c’erano soldi…”. Era lì da un mese

  • Italia
donna 77 anni morta baule indagata figlia

Donna trovata senza vita in un baule, indagata la figlia di 40 anni. È giallo su quanto avvenuto a Concetta Infante, la signora di 77 anni trovata cadavere chiusa dentro un baule sigillato con del nastro adesivo. Il baule si trovava in una camera da letto della casa dove la donna viveva con la figlia. Il decesso risalirebbe ad un mese e mezzo fa.

A scoprire il cadavere, sabato 9 dicembre, sono stati i famigliari della pensionata. La Procura ha aperto un fascicolo e l’ipotesi di reato è occultamento di cadavere. Al momento risulta indagata proprio la figlia di 40 anni che viveva con la vittima. La donna, disoccupata, ha raccontato ai carabinieri che la mamma aveva avuto oltre un mese un incidente in casa. Il fatto è successo a Mondragone, in provincia di Caserta, nel complesso dei cosiddetti Palazzi Cirio.

Leggi anche: Fuori strada con l’auto, Cristian morto sul colpo a 24 anni: tra 5 giorni si sarebbe laureato

donna 77 anni morta baule indagata figlia


Il racconto della figlia: come è morta Concetta

Secondo quanto riportato da alcuni media la figlia ha raccontato ai carabinieri, durante un interrogatorio durato diverse ore, che la madre avrebbe sbattuto la testa cadendo in casa. Non avendo i soldi per il funerale la donna ha deciso di chiudere il corpo senza vita della madre all’interno di un baule per poi sigillarlo con del nastro adesivo.

donna 77 anni morta baule indagata figlia

Non è ancora chiaro se le cose siano andate così oppure se Concetta Infante sia stata uccisa. Al momento la Procura di Santa Maria Caputa Vetere indaga per occultamento di cadavere. Il corpo della pensionata era in avanzato stato di decomposizione, si pensa sia rimasto nel baule per 45 giorni circa. La figlia, nel frattempo, aveva percepito due mesi di pensione.

A trovare il corpo di Concetta è stata l’altra figlia, che vive e lavora in Abruzzo. La donna ha riferito di aver più volte tentato di contattare la madre senza successo. Riceveva soltanto messaggi dal suo cellulare nei quali diceva di non poter parlare ma che stava bene. Si è preoccupata ed è andata a trovare la mamma a casa sua. Dopo aver fatto la brutta scoperta ha subito chiamato i carabinieri.

“Come è andato l’intervento”. Alessandro Meluzzi, giorni di ansia dopo l’ischemia e ora la notizia


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004