Domenico D’addio morto bottura

Lutto nel mondo degli chef: addio a Domenico. Fatale un incidente stradale

Si chiamava Domenico D’addio, aveva soltanto 25 anni e davanti a sé aveva un futuro florido, bellissimo. Domenico è morto, la sua vita si è spezzata lungo via Emilia Est, a Modena. Fatale un incidente in moto che ha visto coinvolto anche un’auto condotta da un’anziano. Domenico, originario di Guastalla, nel reggiano, lavorava in uno dei ristoranti più esclusivi della città: il B&B di Massimo Bottura e Lara Gilmore, Casa Maria Luigia.

Domenico D’addio era un grande appassionato di ristorazione, percorso in cui aveva investito tantissime energie, ricopriva l’importante ruolo di maître alla corte dello chef pluristellato, nel mezzo della campagna modenese. Ma non era la sua unica passione: Domenico amava tantissimo anche le moto, soprattutto quella Ducati rossa che l’ha portato alla morte. Ma cosa è successo? La moto Ducati guidata dal 25enne stava procedendo in via Emilia Est in direzione del centro città, mentre l’auto, una Peugeot 206 condotta da un 71enne modenese, stava completando la manovra di immissione sulla stessa strada, nella direzione della motocicletta, provenendo dal parcheggio di un vicino esercizio commerciale.

Domenico D’addio morto bottura

Lo scontro, poco dopo la Ducati è stata sbalzata verso la pista ciclabile: Domenico D’addio e una 22enne passeggera sono terminati a terra; sul luogo dell’incidente, quindi, insieme agli operatori del comando di via Galilei, sono giunti i sanitari del 118 che hanno tentato di rianimare il motociclista, deceduto poco più tardi.


Domenico D’addio morto bottura
Domenico D'addio massimo bottura

La giovane sbalzata via dalla moto di Domenico D’addio, dopo i primi soccorsi prestati sul posto, è stata accompagnata in ambulanza all’ospedale di Baggiovara in condizioni di media gravità. Illeso invece il conducente della Peugeot, che è stato sottoposto all’alcoltest, negativo.

Domenico D’addio morto bottura
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Casa Maria Luigia (@casamarialuigia)

Naturalmente i due veicoli sono stati posti sotto sequestro dalla Polizia locale, a disposizione dell’autorità giudiziaria, per ulteriori rilievi tecnici che saranno compiuti nelle prossime ore dall’Infortunistica. A causa della gravità dell’incidente, via Emilia est è rimasta chiusa alla circolazione per oltre due ore. La vita è continuata per tutti, tranne per Domenico D’addio.

Pubblicato il alle ore 09:15 Ultima modifica il alle ore 09:15