Dino Impagliazzo morto chef poveri

“Addio, Dino”. Lutto per l’Italia intera, il cordoglio delle istituzioni: “Un eroe dei nostri giorni”

L’Italia perde un uomo di cui è stata sempre, ampiamente, orgogliosa. È morto Dino Impagliazzo, conosciuto per lo più come “lo chef dei poveri”, che cucinava ogni giorno per i senzatetto di Roma. Impagliazzo aveva 91 anni e per gran parte della sua vita ha dato tutto per i meno fortunati. La gioia più grande, forse, è arrivata quando per il suo impegno era stato premiato anche dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Era stato insignito dell’onorificenza nel gruppo di 32 persone “eroi dei nostri giorni” premiate per il loro alto impegno in vari ambiti, di esempio per il Paese. Dino Impagliazzo era uno storico membro del Movimento dei Focolari di Chiara Lubich e della Comunità di Sant’Egidio. Era nato all’Isola de La Maddalena, ma viveva a Roma da una vita. Tornava nella sua Isola ogni estate per rincontrare gli amici di sempre e dedicarsi alla pesca.

Dino Impagliazzo morto chef poveri

Dino Impagliazzo era anche il fondatore e presidente della associazione RomAmor Onlus che si occupa in primis di sfamare senzatetto e indigenti per le strade di Roma, ma che si occupa anche del recupero sociale delle persone in difficoltà. Una vita dedicata ai più deboli e agli ultimi, innumerevoli i viaggi nell’Est Europa ancora sotto il Regime Sovietico.


Dino Impagliazzo morto chef poveri

Dino Impagliazzo, la storia dello chef

Come dopo la caduta del Muro di Berlino per portare con tir rifornimenti alimentari per i più poveri. Innumerevoli le persone incontrate nel mondo e le persone aiutate nel carcere di Rebibbia a Roma, i baraccaati, gli sfollati, i terremotati, come il mendicante sotto casa, aiutate sempre da Dino Impagliazzo con schiettezza e amore.

Dino Impagliazzo morto chef poveri

Dino Impagliazzo lascia la moglie Fernanda compagna di una vita, da sempre impegnati nel sociale: sono i genitori di Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio e di altri 3 fratelli impegnati in vari modi nell’ambito sociale da sempre grazie all’esempio dei genitori. I funerali saranno celebrati martedì 27 luglio alle ore 11:00 nelle chiesa di Santa Maria in Trastevere a Roma.

Pubblicato il alle ore 11:55 Ultima modifica il alle ore 11:55