Denise Pipitone testimone hotel

“L’ho vista, era in hotel”. Denise Pipitone, altro colpo di scena: le parole del super testimone

C’è aria di svolta nel giallo sulla scomparsa di Denise Pipitone, la bimba dissolta nel nulla a Mazara del Vallo il 1° settembre 2004. Nella puntata speciale di Ore 14, andata in onda alle 23 di martedì 29 giugno, Milo Infante ha ricostruito le ultime novità emerse dal lavoro della procura di Marsala. Durante lo speciale andato in onda su Rai 2 è stata riportata una nuova testimonianza che, se ritenuta credibile, potrebbe rappresentare un passo avanti nelle indagini.

Il racconto è quello di una persona che il giorno della scomparsa della bimba aveva alloggiato a Mazara del Vallo nell’hotel dove lavorava Anna Corona, ex moglie di Piero Pulizzi, il papà biologico di Denise Pipitone. Reggetevi forte, perché la persona avrebbe raccontato alla procura di aver visto la piccola Denise nell’hotel Ruggero II. Queste le parole andate in onda durante la puntata: “Quel 1° settembre 2004 ho visto una bambina accanto a una persona, non dimenticherò mai i suoi occhi”.

Denise Pipitone testimone hotel

Denise Pipitone, il testimone ha visto la bambina

Il super testimone ricorda molti particolari nonostante si tratti di un avvenimento capitato tanti anni fa. Tuttavia sono emersi dei problemi: non è possibile infatti trovare riscontro della presenza di questo supertestimone all’hotel, quella sera, dal momento che sono passati molti anni e non sono stati conservati i registri. Quella bambina era Denise Pipitone?


Denise Pipitone testimone hotel

E ancora: perché si fa avanti solo ora, dopo tutto questo tempo, quando avrebbe sin da subito potuto risolvere un caso di rapimento, nel caso? Il problema dei pochi testimoni è stato chiaro sin da subito a Mazara del Vallo, questo lo sanno tutti, inquirenti compresi. Ed è uno dei motivi per i quali Denise Pipitone non è mai stata trovata.

Denise Pipitone testimone hotel

Tuttavia se il testimone risultasse credibile sarebbe un colpo di scena degno di un film. Nella stessa puntata, poi, Piera Maggio ha spiegato il motivo per cui il cognome di Denise sia Pipitone: “Al momento del suo sequestro Denise portava il cognome Pipitone perché io ero sposata con Antonio Pipitone”.

Pubblicato il alle ore 08:28 Ultima modifica il alle ore 08:56